Probabile che 50 Sfumature di grigio, dall'alto dei suoi 571 milioni di dollari conquistati in tutto il mondo, non abbia mai aspirato a vincere l'Oscar come miglior film. Il fenomeno cinematografico del 2015 ha però conquistato un riconoscimento decisamente meno gradito: il primo film della trilogia erotica tratta dai romanzi di EL James ha trionfato alla cerimonia dei Razzie Awards, che ogni anno si tiene tradizionalmente la sera prima della Notte degli Oscar. Si tratta dei "premi" assegnati ai peggiori film dell'anno, ufficialmente denominati "Golden Raspberry Awards" (Lamponi d'oro), ma più comunemente chiamati "Razzies", ovvero "pernacchie".

La Johnson e Dornan peggior coppia dell'anno.

50 Sfumature di grigio ha conquistati ben cinque Razzies, dominando la cerimonia. Oltre al poco ambito titolo di film più brutto del 2015, hanno vinto anche la sceneggiatrice Kelly Marcel e i due protagonisti Jamie Dornan e Dakota Johnson, sia singolarmente che come "peggior coppia sullo schermo".

Mal comune mezzo gaudio: se non altro il film sulle avventure sadomaso di Christian Grey e Anastasia Steele (che comunque si prepara a nuovi trionfi al botteghino con il sequel "50 sfumature di nero", in sala nel 2017) divide l'onta con "Fantastic 4", eletto peggior film ex aequo e premiato anche per la peggior regia (di Josh Trank).

Ecco tutti i premi

Peggior Film: 50 sfumature di grigio e Fantastic 4

Peggior attore: Jamie Dornan, 50 sfumature di grigio

Peggior attrice: Dakota Johnson, 50 sfumature di grigio

Peggior attore non protagonista: Eddie Redmayne, Jupiter

Peggior attrice non protagonista: Kaley Cuoco-Sweeting, Alvin Superstar – Nessuno ci può fermare [solo voce] e Un testimone in affitto

Peggior Remake/Rip-Off/Sequel: Fantastic 4

Peggior coppia sullo schermo: Jamie Dornan and Dakota Johnson, 50 sfumature di grigio

Peggior regista: Josh Trank, Fantastic 4

Peggior sceneggiatura: 50 sfumature di grigio (Kelly Marcel, dal romanzo di E.L. James)

Infine, il Razzie Reedeemer Award (destinato a un attore o regista che ha vinto il Razzie in passato, ma è riuscito a "riscattarsi") va a Sylvester Stallone per la sua lodata interpretazione di Rocky in "Creed". Ruolo per cui, quasi certamente, il vecchio Sly conquisterà anche l'Oscar.