I fan di Stephen King attendono impazienti l'arrivo nelle sale di ‘IT‘, adattamento dell'omonimo romanzo affidato alla sapiente regia di Andrés Muschietti. Il 21 settembre 2017, il malvagio clown Pennywise tornerà a scuotere i sogni di grandi e piccini. Ma intanto infuria la polemica.

L'uscita del trailer ufficiale di ‘IT', infatti, ha portato molti bambini a essere terrorizzati dai clown. Risultato? Diverse persone che si guadagnano da vivere facendo i pagliacci al circo o nelle feste private, stanno vedendo calare drasticamente il numero delle richieste. Sono, dunque, convinti che Stephen King sia il responsabile del declino della loro arte. Alcune loro testimonianze, sono state raccolte dal sito Mel Magazine. Guilford Adams (in arte Gilly), che ha 42 anni e fa il clown da 20, dichiara

"Il film danneggerà la categoria dei clown. È una professione che sta morendo. Le persone che sopravvivono facendo questo, devono accettare il fatto che oggi va di moda detestare i clown. ‘It' sta contribuendo ad allontanare i giovani consumatori da un'arte che è dolce e gentile. Nessuno prende le difese di un clown. L'unica cosa che va ancora più di moda di detestare un clown, è farlo con un mimo. È stupido e spero che le persone si concentrino sui clown buoni in circolazione".

Il trentatreenne Nick Kane (in arte Mr. Nick) gli ha fatto eco: "Rovinerà i nostri affari, il traffico della mia pagina web è già calato, subito dopo l'uscita del trailer". Roger Fojas, clown di 48 anni, ha aggiunto

"‘IT' renderà i bambini terrorizzati dai clown e i loro genitori non prenoteranno più un pagliaccio per le feste di compleanno. Oggi come oggi è davvero dura essere un clown. Un tempo, i pagliacci erano una fonte di intrattenimento e gioia, ma il modo in cui sono stati dipinti dai media li ha privati della loro bontà e li ha trasformati in qualcosa che i bambini temono".

Lo scorso ottobre, poi, diversi clown dall'aspetto minaccioso, sono stati avvistati in America. Kane si è ritrovato a essere fermato dalla polizia

"A ottobre, dopo quegli accadimenti, si sono diffusi sul web diversi meme di clown terrificanti. Dopo qualche tempo, la situazione sembrava essere tornata alla normalità, poi è uscito il trailer di ‘IT' ed è ricominciato tutto".

La risposta di Stephen King.

La polemica dei clown ha fatto il giro della Rete e così, Stephen King si è sentito in dovere di replicare. Lo ha fatto su Twitter

"I clown sono incazza** con me. Mi dispiace, molti di loro sono eccezionali. Ma…i bambini sono sempre stati spaventati dai clown. Non uccidete il messaggero per il messaggio".

Pogo il Clown, così il killer John Wayne Gacy diede inizio al terrore.

La paura dei clown affonda le sue radici negli anni '70 e porta il nome di John Wayne Gacy. L'uomo rapì, torturò, violentò e uccise oltre 33 persone, tra bambini e adolescenti. I fatti avvennero tra il 1972 e il 1978. Era un insospettabile. Tutti, infatti, apprezzavano la sua natura socievole e gentile. In realtà, soffriva di disturbi della personalità e sadismo. Venne soprannominato il pagliaccio killer perché nel tempo libero era solito intrattenere i bambini alle feste di compleanno, facendosi chiamare Pogo il Clown. Fu condannato a morte e giustiziato con l'iniezione letale, il 10 maggio del 1994. Alla sua morte, furono ritrovati una serie di disegni che rappresentavano dei pagliacci. Da lì, ebbe inizio un'avversione generale per i clown. Nel 1986, poi, il romanzo di Stephen King completò l'opera. Il personaggio di Pennywise, clown che terrorizzava e uccideva i bambini, portò i più piccoli a essere terrorizzati dai pagliacci e di conseguenza, gli sventurati artisti non erano più ammessi alle loro feste di compleanno.