Fast & Furious parla per la prima volta cubano: le riprese dell'ottavo film della saga sono attualmente in corso e cast e troupe sono appena sbarcati all'Avana, dove il regista F.Gary Gray sta girando alcune sequenze con protagonisti Vin Diesel e Michelle Rodriguez.

Entusiasmo dei fan della saga a parte, si tratta di un momento decisamente epocale nella storia del cinema americano. "Fast & Furious 8" è infatti il primo film totalmente statunitense girato a Cuba dalla rivoluzione castrista del 1959, a ulteriore testimonianza del riallacciamento dei rapporti tra il governo locale e gli Usa, dopo la storica visita del presidente Barack Obama. Va ricordato, però, che "Fast & Furious 8" ha un precedente: proprio in questi giorni, è sbarcato nelle sale americane "Papa Hemingway in Cuba", co-produzione tra Stati Uniti e Canada filmata all'Avana tra mille difficoltà prima del disgelo.

Dice Diesel in un video pubblicato sui social

Sono qui con il mio regista F.Gary Gray. Avevamo lavorato insieme forse 17 anni fa e ora siamo in un posto che nessuno avrebbe mai pensato possibile. Siamo a L'Avana, Cuba, tra persone meravigliose. Nessuno pensava che si sarebbe potuto fare. E noi siamo qui, lo stiamo facendo. C'è tanto amore e siamo fieri di essere qui, dove i Toretto hanno iniziato. È Fast 8 e Dom Toretto è qui. Torna a casa sua!

Ecco dunque spiegato perché parte di "Fast & Furious 8" sarà ambientata proprio nell'isola caraibica: il Dominic Toretto di Vin Diesel è di origini cubane e andrà all'Avana per riscoprire le radici della sua famiglia. Pare che nel nuovo film della saga dai motori ruggenti giocheranno un ruolo anche gli "almendrones", le auto americane d'epoca ancora molto diffuse all'Avana.

Ricordiamo che "Fast & Furious 8" uscirà nelle sale il 14 aprile del 2017 e vedrà nel cast i volti ormai storici di Diesel, Jason Statham, Dwayne Johnson, Kurt Russell, Michelle Rodriguez, Lucas Black, Tyrese Gibson e Ludacris, oltre a new entry davvero intriganti come la splendida Charlize Theron (pare, in un ruolo molto negativo) e Scott Eastwood, il figlio di Clint chiamato a non far rimpiangere troppo l'indimenticato Paul Walker.