Il programma della 70esima edizione del Festival di Cannes – in programma dal 17 al 28 maggio – è stato reso noto, oggi, durante l’usuale conferenza stampa con il direttore artistico Thierry Fremaux e il Presidente Pierre Lescure. Quest’anno, la madrina è la nostra Monica Bellucci mentre la Giuria è presieduta da Pedro Almodovar. I film in gara, nelle varie sezioni, saranno 49, tra cui 9 opere prima, con 29 paesi rappresentati, e ad aprire le danze ci penserà  “Les Fantomes d’Ismaël”, diretto da Arnaud Desplechin, con protagoniste Charlotte Gainsbourg e Marion Cotillard. Tra i 18 film in concorso, vanno tenuti d’occhio “The Beguiled”, di Sofia Coppola; “Le Redoutable”, diretto da Michel Hazanavicius; “Happy End”, di Michael Haneke e “Wonderstruck”, di Todd Haynes.

Cannes 2017: nessun italiano in gara e le anteprime speciali.

Purtroppo, in concorso non ci sarà nessun italiano, anche se sulla Croisette ci saranno Sergio Castellitto, che presenterà la sua ultima pellicola, “Fortunata”, con Jasmine Trinca e Stefano Accorsi e Annarita Zambrano con “Après la guerre – Dopo la guerra”, entrambi inseriti nella sezione Un Certain Regard. Durante la kermess, saranno proiettati anche “Carne y Arena”, corto in realtà virtuale del pluripremiato Alejandro González Iñárritu; i primi due episodi dell’attesissima nuova serie di “Twin Peaks”, di David Lynch e il nuovo e attesissimo documentario “An Incovenient Sequel: Truth to Power”. Di seguito, il programma completo

In concorso.

“Nelyubov (Loveless)”, di Andrey Zvyagintsev

“Good Time”, di Benny Safdie & Josh Safdie

“You Were Never Really Here”, di Lynne Ramsay

“L’Amant double”, di François Ozon

“*******’s Moon”, di Kornél Mundruczó

“A Gentle Creature”, di Sergei Loznitsa

“The Killing Of A Sacred Deer (Mise À Mort Du Cerf Sacré)”, di Yorgos Lanthimos

“Hikari (Radiance)”, di Naomi Kawase

“Geu-Hu (The Day After)”, di Hong Sangsoo

“Le Redoutable”, di Michel Hazanavicius

“Wonderstruck”, di Todd Haynes

“Happy End”, di Michael Haneke

“Rodin”, di Jacques Doillon

“The Beguiled”, di Sofia Coppola

“120 Battements Par Minute”, di Robin Campillo

“Okja”, di Bong Joon-Ho

“Aus Dem Nichts (In The Fade)”, di Fatih Akin

“The Meyerowitz Stories”, di Noah Baumbach

Fuori Concorso.

“Les Fantômes D’ismaël”, di Arnaud Desplechin (Film D’apertura)

“Mugen Non Jūnin (Blade Of The Immortal)”, di Miike Takashi

“How To Talk To Girls At Parties”, di John Cameron Mitchell

“Visages, Villages”, di Agnès Varda & Jr

Un Certain Regard.

“Barbara”, di Mathieu Amalric

“La Novia Del Desierto (La Fiancée Du Desert/The Desert Bride)”, di Cecilia Atan &Valeria Pivato

“Tesnota (Étroitesse/Closeness)”, di Kantemir Balagov

“Aala Kaf Ifrit (La Belle Et La Meute/Beauty And The Dogs)”, di Kaouther Ben Hania

“L’Atelier”, di Laurent Cantet

“Fortunata (Lucky)”, di Sergio Castellitto

“Las Hijas De Abril (Les Filles D’Avril/April’s Daughter)”, di Michel Franco

“Western”, di Valeska Grisebach

“Posoki (Directions)”, di Stephan Komandarev

“Out By”, di Gyorgy Kristof

“Sanpo Suru Shinryakusha (Before We Vanish)”, di Kurosawa Kiyoshi

“En Attendant Les Hirondelles (The Nature Of Time)”, di Karim Moussaoui

“Lerd (Dregs)”, di Mohammad Rasoulof

“Jeune Femme”, di Léonor Serraille

“Wind River”, di Taylor Sheridan

“Après La Guerre (After The War)”, si Annarita Zambrano

Séance Spéciale – Special Screenings

“An Inconvenient Sequel”, di Bonni Cohen & Jon Shenk

“12 Jours”, di Raymond Depardon

“They”, di Anahita Ghazvinizadeh

“Keul-Le-Eo-Ui Ka-Me-La (Clair’s Camera)” di Hong Sangsoo

“Promised Land”, di Eugene Jarecki

“Napalm”, di Claude Lanzmann

“Demons In Paradise”, di Jude Ratman

“Sea Sorrow”, di Vanessa Redgrave

Séance De Minuit – Midnight Screenings

“Ak-Nyeo (The Villainess)”, di Jung Byung-Gil

“Bulhandang (The Merciless)”, di Byun Sung-Hyun

“Prayer Before Dawn”, di Jean-Stéphane Sauvaire

Événement.

“Top Of The Lake: China Girl”, di Jane Campion & Ariel Kleiman

“Come Swim”, di Kristen Stewart

“24 Frames”, di Abbas Kiarostami

“Twin Peaks”, di David Lynch

Installazione Speciale in realtà virtuale

“Carne Y Arena”, di Alejandro G. Iñárritu