Il 12 novembre compie 35 anni, ma Ryan Gosling ha già girato 20 film, 14 tra serie e film tv, ha esordito da regista, ha vinto caterve di premi ed è anche musicista. Una carriera che somiglia ad un treno in corsa, inarrestabile e piena di soddisfazioni. “La pagine della nostra vita”, “Half Nelson”, “Blue Valentine” e “Drive” sono solo alcune delle pellicole che lo hanno portato già sul gradino più alto della Hollywood che conta. Amatissimo dalle donne di tutto il mondo, a breve lo vedremo nel film “La grande scommessa”, di Adam McKay, con un cast da urlo e proiettato verso i prossimi Oscar.

L’esordio al Mickey Mouse Club.

Gosling è nato a London, in Ontario, anche se è cresciuto a Cornwall. Sin dalle elementari, l’attore ha avuto difficoltà molto serie ed è stato vittima di bullismo. Per questo motivo, sua madre ha preferito educarlo a casa, fino all’età di 10 anni. In seguito, frequenta la Cornwall Collegiate and Vacational High School e la Lester B. Pearson High School, di Burlington. Sin da giovanissimo, si appassiona al teatro e partecipa ad alcuni spettacoli con sua sorella Mandi, cogliendo al volo l’opportunità del provino al Mickey Mouse Club, trampolino di lancio di tantissime star del mondo dello spettacolo e della musica statunitensi. Gosling lo passa alla grande e ci lavorerà come ballerino e cantante, dal 1993 al 1995.

Le serie tv e i primi film.

Dopo quell’avventura, si aprono per lui le porte della televisione e del cinema. Nel 1995 è già sul set della serie “Hai paura del buio?” e, successivamente, prende parte ad alcuni episodi “Le avventure di Shirley Holmes”, “Siete pronti?”, “La strada per Avonlea”, “Kung Fu: la leggenda continua”, “Piccoli brividi” e “Breaker High”. A soli 17 anni, diventa il protagonista della serie tv di successo “Young Hercules” e, sempre nel 1997, debutta al cinema con il film “Il mio amico Frankenstein”, di Ribert Tinnell. Il ruolo che lo fa conoscere maggiormente al grande pubblico è quello di Alan Bosley ne “Il sapore della vittoria – Uniti si vince”(2000) per la regia di Boaz Yakin, accanto a Denzel Washington. Le pellicole successive sono “The Believer”(2001) di Henry Bean, in cui interpreta il ruolo dello lo skinhead ebreo Danny Balint. Il film trionfa al Sundance Film Festival e Gosling diventa uno degli attori più richiesti in circolazione, girando, tra 2002 e 2003 altri tre film: gira “Formula per un delitto” di Barbet Schroeder, dove conosce Sandra Bullock, alla quale si lega sentimentalmente, “The Slaughter Rule” di Alex e Andrew Smith e “Il delitto Fitzgerald” per la regia di Matthew Ryan Hoge.

La candidatura agli Oscar e il duo indie rock Dead Man’s Bones.

Nel 2004, è sul set di “Le pagine della nostra vita”, diretto da Nick Cassavetes e tratto dall’omonimo best-seller di Nicholas Sparks. Durante le riprese, s’innamora della sua partner Rachel McAdams, con cui è stato fidanzato dal 2004 al 2007. Per il ruolo del giovane professore di storia Dan Dunne, nel film “Half Nelson”(2007), di Ryan Fleck, Gosling ottiene la candidatura agli Oscar come Miglior attore protagonista mentre per la parte di Lars in “Lars e una ragazza tutta sua”(2007) di Craig Gillespie, viene candidato al Golden Globe. Nello stesso anno gira anche “Il caso Thomas Crawford”, per la regia di Gregory Hoblit, mentre nel 2010 è il protagonista maschile di “Blue Valentine” di Derek Cianfrance, che gli fa ottenere un’altra candidatura ai Golden Globe, e di “Love & Secrets” di Andrew Jarecki. Nel 2008, l’attore fonda anche il duo indie rock Dead Man’s Bones, con l’attore teatrale Zach Shields.

“Drive”, “Le idi di Marzo” e la storia con Eva Mendes.

Nel 2011, fa parte del cast stellare della commedia “Crazy, Stupid, Love”, esibendo tutto il suo sex appeal in alcune scene particolarmente apprezzate, soprattutto, dal pubblico femminile. La parte gli regala un’altra candidatura ai Golden Globe Nello stesso anno gira lo straordinario thriller indipendente “Drive”, di Nicolas Winding Refn, presentato al Festival di Cannes, e anche “Le idi di Marzo”, di e con George Clooney, presentato al 68° Festival di Venezia, che gli fa ottenere l’ennesima nomination ai Golden Globe. Dal 2011, l’attore fa coppia con la bella Eva Mendes, dalla quale, nel 2014, ha avuto la figlia Esmeralda Amada. Nel 2013, il poliziesco “Gangster Squad”, di Ruben Fleischer, non ottiene il successo sperato ma, a ruota, l’attore gira anche i più apprezzati “Come un tuono” di Derek Cianfrance e “Solo Dio perdona”, del suo amico Nicolas Winding Refn.

Il debutto da regista e i progetti futuri.

Nel 2014, Gosling debutta alla regia con “Lost River”, selezionato per la sezione Un Certain Regard al Festival di Cannes 2014. Il film è incentrato sulla storia di Billie (Christina Hendricks), una madre single di due figli che vive nella città di Lost River, luogo privo di speranze. Un giorno il figlio maggiore, Bones (Iain De Caestecker), trova un passaggio segreto che conduce ad una misteriosa città sottomarina. La famiglia deciderà di inoltrarsi per cercare una nuova “luce”. A breve lo vedremo ne “La grande scommessa” accanto a Brad Pitt e Christian Bale, ma sta già lavorando al nuovp progetto top secret di Terrence Malick e, nel corso del 2016, sarà nei film “The Nice Guys”, di Shane Black e “La La Land”, diretto da Damien Chazelle.