21:11

Il Dittatore di Cohen si prepara a dominare l’Italia

Sacha Baron Cohen torna nelle sale con la sua quarta pellicola. Stavolta è nei panni del Generale Aladeen, parodia riuscita e altamente demenziale dei dittatori mediorientali. Divertimento assicurato.

“Il Dittatore” [trailer]

Il Generale Aladeen vuole “amorevolmente” tenere fuori dalla democrazie il proprio paese per opprimerlo con tanta cura! Al cinema dal 15 giugno.

L’imprevedibile Sacha Baron Cohen, dopo la puntatina a Cannes con Elisabetta Canalis, torna al cinema con la sua quarta pellicola, intitolata “Il Dittatore”, diretta da Larry Charles (già director di “Borat” e “Bruno”), e stavolta al centro del racconto c’è la storia di un dittatore che ha rischiato la vita per assicurarsi “amorevolmente” che la democrazia non arrivasse mai nel suo paese e che il suo piano di “oppressione” fosse così totale e senza ostacoli. Gli spunti principali sono stati tratti, ovviamente in chiave ironica, dallo stesso attore, con la collaborazione di Alec Berg, David Mandel e Jeff Schaffer, dal libro “Zabibah and the King”, scritto da Saddam Hussein. il personaggio, quindi, del Generale Aladeen è la parodia perfetta e spassosa dei dittatori mediorientali, mescolando (triste) realtà e fantasia, satira e politica. La pellicola doveva uscire inizialmente nelle sale statunitensi l’11 maggio ma a causa della pericolosa concorrenza di “Dark Shadows”, la Paramount ha deciso di spostare l’uscita al 16 maggio. Nelle nostre sale invece lo potremo vedere a partire dal 15 giugno.

La trama

Il Dittatore di Cohen si prepara a dominare l’Italia.

Ricco di petrolio e isolato, lo stato nord africano di Wadiya è governato dalla veemenza dell’anti-occidentale Aladeen, fin da quando aveva sei anni, quando fu nominato Supremo Leader in seguito alla sfortunata morte del padre, ucciso in un’improbabile incidente di caccia. Fin dalla sua ascesa al potere assoluto, il consulente di fiducia di Aladeen è sempre stato lo Zio Tamir, che è capo della polizia segreta, capo della sicurezza e procuratore di donne. Sfortunatamente per Aladeen ed i suoi consiglieri, il tanto disprezzato Occidente ha iniziato a ficcare il naso negli affari di Wadiya, e le Nazioni Unite hanno ripetutamente sanzionato il paese negli ultimi dieci anni, il Dittatore non è assolutamente intenzionato a far accedere un ispettore del consiglio di sicurezza al suo impianto segreto di armi. Ma dopo un tentativo di assassinio, la vita prenderà un’altra piega per il Supremo Leader. Tamir convince Aladeen ad andare a New York per parlare alle Nazioni Unite delle loro preoccupazioni. Così il Generale Aladeen, Tamir e il loro entourage arrivano nella Grande Mela, con un’accoglienza a dir poco tiepida. Ma ci sarà molto di più di esiliati arrabbiati e indesiderate sanzioni ad attendere Aladeen nella Terra della Libertà.

Il cast

Sacha Baron Cohen interpreta i ruoli del Generale Aladeen e Efawadh, mentre il grande Ben Kingsley, dopo le fatiche di “Shutter Island” e “Hugo Cabret” di Martin Scorsese, si prende una pausa comica e ne “Il Dittatore” è lo strano zio Tamir. La giovane attrice Anna Faris (“Sex List”, “L’Orso Yoghi”) è Zoey e nei panni di Clayton troviamo John C. Reilly (“Carnage”, “e ora parliamo di Kevin”). Nel film compaiono anche alcune guest stars nel ruolo di loro stessi: la sexy Megan Fox e il carismatico Edward Norton. Completano il cast: Chris Elliott (Signor Ogden), Kevin Corrigan (Slade), J.B. Smoove (Usher), Aasif Mandivi (Dottore), Chris Parnell (Giornalista), Erick Avari (Omar), Jason Mantzoukas (Nadal) e Danielle Burgio (Guardia vergine).

Approfondimenti: commedia, Sacha Baron Cohen

commenta
STORIE INTERESSANTI
STORIE DEL GIORNO
FANPAGE D'AUTORE
ALTRE STORIE