Tra due giorni compirà 82 anni e la sua prima nomination nomination agli Oscar è arrivata quando ne aveva appena 35 per la colonna sonora del film “La valle delle bambole”, diretto da Russ Meyer. Le musiche composte per il cinema dal grande John Williams non possono essere elencate. Il maestro ha lavorato per i più grandi registi del mondo, da Steven Spielberg a Chris Columbus, collezionando, nella sua lunga carriera, ben 49 nomination agli Oscar, riuscendo a portare a casa 5 statuette per “Il violinista sul tetto”(1971), “Lo squalo”(1975), “Guerre Stellari” (1977), “E.T. – L’Extraterrestre” (1982) e “Schindler’s List” (1993).

La sua passione per la musica è iniziata a soli 7 anni, quando Williams ha cominciato a studiare il pianoforte, la tromba e il clarinetto. Qualche anno dopo si è iscritto alla famosa Juilliard School of Music e, successivamente, perfeziona gli studi a Hollywood con Arthur Olaf Anderson e Mario Castelnuovo-Tedesco.l la sua produzione spazia dal cinema alle Olimpiadi e alle serie tv. Ha scritto quasi tutte le colonne sonore dei film di Spielberg e per la saga di “Guerre Stellari”, dal 1977 al 2005. I suoi successi più grandi sono legati proprio a film come: “Superman”, “Jurassic Park”, la saga di “Indiana Jones”, “Incontri ravvicinati del terzo tipo” e  il tema dei primi tre film di “Harry Potter

Negli ultimi dieci anni ha curato le musiche di successi come “The Terminal, “La guerra dei mondi”, “War Horse e “Lincoln”. Le 49 candidature lo fanno balzare al secondo posto nella classifica degli artisti in vita più nominati, alle spalle di Walt Disney, a quota 59. Agli Oscar 2014, vedremo se riuscirà a portare a casa il sesto ambito trofeo per le musiche di “Storia di una ladra di libri”, di Brian Percival, mentre c’è già chi lo ritiene addirittura candidabile all’edizione 2015 per la colonna sonora di “Star Wars: Episodio VII”, diretto da J.J. Abrams.