Sembra incredibile pensare che un film Disney possa essere proibito a bambini. Eppure è quanto accadrà in Russia dal prossimo 16 marzo, quando "La Bella e la Bestia", versione live action del classico d'animazione, uscirà nelle sale cinematografiche del Paese (oltre che in Italia e in diverse altre nazioni). Il governo locale ha stabilito che la pellicola sarà vietata ai minori di 16 anni. La motivazione? La presenza di un personaggio dichiaratamente gay, il primo nella storia della casa di Topolino.

Il LeTont di Josh Gad è il primo personaggio gay nella storia Disney.

"La Bella e la Bestia", vero e proprio remake dell'indimenticabile film del 1991, conterrà infatti una sostanziale differenza rispetto all'originale. Convinta della necessità di modernizzare i propri contenuti, la Disney ha deciso di rendere apertamente omosessuale LeTont, lo scagnozzo di Gaston (Luke Evans) interpretato da Josh Gad. Inevitabili le polemiche, anche se era difficile pensare a una censura omofoba così pesante. Eppure, secondo il Ministero della Cultura, il personaggio in questione violerebbe la legge russa che vieta la "propaganda gay nei confronti dei minori", tanto che inizialmente il film ha rischiato di non essere neppure distribuito. Non che il divieto under 16 cambi molto, dal momento che le famiglie sono proprio il target principale del film. "La Bella e la Bestia" è diretto da Bill Condon e interpretato da Emma Watson, Dan Stevens, Kevin Kline, oltre che dai doppiatori (nella versione in inglese) Ewan McGregor, Ian McKellen, Stanley Tucci e Emma Thompson.