Nelle nostre sale sta per arrivare una grandissima sorpresa per tutti i milioni di fan di D10S, soprannome con cui è noto in tutto il mondo la leggenda del calcio, Diego Armando Maradona. Per dieci giorni, precisamente dall’1 al 10 maggio, in occasione dello storico 30° anniversario del primo scudetto del Napoli esce, infatti, “Maradonapoli”, il primo docufilm, diretto dal regista romano Alessio Maria Federici (“Lezioni di cioccolato 2”, “Stai lontana da me”, “Fratelli unici”) sul rapporto d’amore fra la città partenopea e il suo più grande campione.

La storia d’amore infinita tra il Pibe de Oro e Napoli.

È il 30 giugno  1984, il giorno che segna la svolta per la città di Napoli, con l’avvento di Diego Armando Maradona. Un’icona, un mito per la città che lo osanna e lo consacra come simbolo di riscatto e di vittoria per tutti i sette anni di permanenza, che hanno segnato la storia del Pibe de Oro e della Napoli calcistica e non solo. E oggi? Cosa è rimasto di lui, nel cuore e nei ricordi dei napoletani e nella loro amata città? “Maradonapoli” racconta proprio questo, cercando in ogni angolo della città una sua immagine, un oggetto che lo ricordi, ascoltando dalle persone che cosa vuol dire aver avuto Maradona nella propria vita. A firmarlo come autori, Antonio Di Bonito, Cecilia Gragnani, Jvan Sica e Roberto Volpe che da anni mappano la città alla ricerca dei luoghi maradoniani e delle storie che legano persone della città al campione argentino. Nel film viene raccontata una mitografia in divenire con tutte le sue storie e leggende ma anche una città unica, che sa davvero amare chi le ha dato anche un solo goccio di felicità. “Maradonapoli”, è prodotto da Cinemaundici, in associazione con Rancilio Cube e distribuito da Warner Bros. Pictures. Da non perdere.