Non sarà Medusa a co-produrre e distribuire il film che Paolo Sorrentino ha intenzione di girare su Silvio Berlusconi, così come aveva fatto per "La grande bellezza". Una notizia che arriva tramite una nota dell'ufficio stampa della major cinematografica, facente parte del Gruppo Mediaset e dunque di proprietà dell'ex premier. Lo annuncia l'Ansa, che aggiunge come "Successivamente Medusa precisa di non aver mai ricevuto il nuovo progetto di Sorrentino e di averne appreso il contenuto leggendo Variety".

Lo scoop: Paolo Sorrentino al lavoro su un biopic sul Cavaliere.

È stata la nota testata americana, infatti, ad aver dato per prima la notizia secondo cui Sorrentino starebbe lavorando a una pellicola su Berlusconi, scoop che ha letteralmente sconquassato l'intera comunità cinematografica italiana in questi giorni per lo più riunita alla Mostra del Cinema di Venezia. Proprio da un inviato di Variety al Lido è partita l'indiscrezione: Sorrentino sarebbe già al lavoro sulla sceneggiatura, con l'idea di iniziare le riprese nell'estate del 2017.

A questo punto, in attesa di conferme ufficiali dal regista e di Indigo Film (che ha prodotto i suoi film precedenti), i quesiti si moltiplicano. Chi sarà interpreterà il Cavaliere in "Loro" (questo il titolo di lavorazione del film), l'attore feticcio Toni Servillo (già mastodontico Giulio Andreotti ne "Il Divo", con il phisique du role giusto sebbene privo della cadenza milanese) oppure un attore straniero, o un poco noto volto teatrale? Su quali aspetti della vita e della carriera di Berlusconi verterà la trama?

Intanto, Sorrentino è grande protagonista a Venezia con l'anteprima della sua serie tv "The Young Pope", in onda su Sky da ottobre. E la sensazione è che non sia un caso se la notizia del nuovo progetto sia uscita proprio in questi giorni. Ancora una volta, il regista premio Oscar per "La grande bellezza" si dimostra il più internazionale dei cineasti italiani nella capacità di "vendere" il suo marchio e la sua autorialità.