Gli italiani Fabio Guaglione e Fabio Resinaro sono i registi del bellissimo e atteso “Mine”, il thriller ansiogeno con il sexy Armie Hammer (“Operazione U.N.C.L.E.”, “Animali notturni”) ha il ruolo di un soldato che, un malaugurato giorno, poggia il piede su una mina antiuomo e, da quel momento, in attesa dei soccorsi, non potrà più muoversi, altrimenti diventerà polvere come il deserto circostante. Il thriller psicologico è stato anche scritto dalla coppia di registi e ricorda un po’, per la tematica dell’uomo solo e costretto a sopravvivere in mezzo al nulla, “127 ore”(2010), di Danny Boyle, con James Franco, pellicola che riuscì a portare a casa ben 6 nomination agli Oscar, e “Buried – Sepolto”(2010), per la regia di Rodrigo Cortés, con Ryan Reynolds. Tra i produttori esecutivi figura lo stesso Hammer che ha creduto fin da subito nel progetto. Nel cast, oltre all’attore, ci sono anche Annabelle Wallis, Tom Vullen e Geoff Bell. Insomma, se amate il genere, allora “Mine” è il film che fa per voi e lo potrete vedere nelle sale a partire dal prossimo 6 ottobre.

La trama.

Mike Stevens è un soldato sta tornando al campo base dopo una missione, ma, inavvertitamente, poggia il piede su una mina antiuomo. Non può più muoversi, altrimenti salterà in aria. In attesa di soccorsi per due giorni e due notti, dovrà sopravvivere non solo ai pericoli del deserto ma anche alla terribile pressione psicologica della tutt'altro che semplice situazione.

Il cast.

Il cast completo del film è composto da: Armie Hammer (Mike Stevens), Annabelle Wallis (Jenny), Tom Cullen (Tommy Madison), Clint Dyer (Il Berbero), Juliet Aubrey (Madre di Mike) e Geoff Bell (Padre di Mike).

Le curiosità sul film che dovete sapere.

1. L’attrice Annabelle Wallis, che nel film è nei panni di Jenny, è stata la protagonista di “Annabelle”, la pellicola horror blockbuster ed è la star della serie tv “Peeky Blinders”

2. I due registi hanno dichiarato che per loro il film è una metafora della condizione umana, dato che a ognuno di noi è capitato di ritrovarsi in una situazione di stallo, un momento della vita in cui ci sembra di essere bloccati e di non potere andare avanti. Fino a quando succede qualcosa di imprevedibile che sblocca tutto.

3. Guaglione e Resinaro avevano, inizialmente, dei pregiudizi su Armie Hammer perché l’avevano visto sempre in ruoli da belloccio o, comunque, brillanti. Invece, guardando meglio il suo curriculum, i due hanno voluto assolutamente incontrarlo e sono stati travolti dalla sua energia e dalla voglia di portare sul grande schermo il personaggio di Mike Stevens.

4. Per prepararsi ad interpretare il ruolo del protagonista, Hammer ha dovuto incontrare diversi consulenti dei Marines, per studiare la situazione psicologica dei soldati in situazioni d’isolamento, disidratazione e immobilità che durano per giorni interi. L’attore ha dovuto anche rasare i  capelli a zero e gli sono state applicate anche due cicatrici sulla testa, legate a eventi del suo passato.

5. La location scelta per le riprese è una porzione desertica dell’isola di Fuerteventura, nell’arcipelago delle Canarie.