Alessandro Alessandroni è morto a Roma all'età di 92 anni. Era compositore, direttore d'orchestra e arrangiatore, diventato celebrare per la "fischiata" dei western dei film di Sergio Leone. Alle colonne sonore di "Per un pugno di dollari", "Il buono, il brutto e il cattivo" e "Per qualche dollaro in più", vi partecipò grazie alla chiamata di Ennio Morricone: "Sandro, vieni in studio, mi serve una fischiatina". Quella fischiatina cambiò il mondo del cinema.

La carriera inizia da autodidatta, a 13 suona già il mandolino e la chitarra, ne diventa brevemente un virtuoso dello strumento. Si diploma al Conservatorio di Roma, inizia a lavorare per la Fonolux, conosce il maestro Nino Rota, partecipa alle prime colonne sonore. Con Rota, inizia a comporre i primi "fischiati" ed è per questo che Ennio Morricone lo chiamerà per le registrazioni delle sue colonne sonore negli spaghetti western. Federico Fellini lo soprannominerà "fischio".

Di recente, Alessandroni aveva collaborato con i Baustelle per il disco "Amen" prestando il suo fischio alla canzone "Spaghetti Western".  Nel 2009 ha collaborato con i Guano Padano, fischiando nel brano "Bull Buster".

Le colonne sonore di Alessandroni.

Alessandro Alessandroni ha partecipato alle colonne sonore di film come "Vado… l'ammazzo e torno", "Troppo per vivere… poco per morire", "Quella sporca storia nel West", "La taglia è tua… l'uomo l'ammazzo io", "Armida, il dramma di una sposa", "Zorro il dominatore", "Formula 1 – Nell'Inferno del Grand Prix", "La guerra sul fronte Est", "Zorro, la maschera della vendetta", "Elena sì… ma di Troia", "Di Tresette ce n'è uno, tutti gli altri son nessuno", "La signora gioca bene a scopa?", " La professoressa di scienze naturali", "Due pezzi di pane" e "Porno Esotic Love".