Addio a Frank Vincent, attore italoamericano noto per il ruolo di Phil Leotardo nella celebre serie tv "I Soprano" ma anche per essere stato uno dei volti-feticcio di Martin Scorsese nei film "Toro scatenato", "Quei bravi ragazzi" e "Casino". La sua morte è stata annunciata sui social dal collega e amico Vincent Pastore: l'attore aveva 78 anni e secondo TMZ sarebbe deceduto per le complicazioni di un intervento al cuore dopo un infarto.

Era di origini siciliane e napoletane.

Nato Frank Vincent Gattuso, aveva origini siculo-napoletane. Cresciuto nel New Jersey, iniziò come musicista ma nel 1975 recitò in un gangster movie intitolato "The Death Collector" al fianco di Joe Pesci: qui venne notato da Martin Scorsese che lo lanciò in "Toro Scatenato" con Robert De Niro e lo stesso Pesci. Gli inconfondibili tratti italo-americani lo hanno reso un caratterista ideale per i film di mafia.

La filmografia di Frank Vincent.

Vincent ha così recitato in una novantina di titoli, tra cui "Il papa di Greenwich Village", "Cadaveri & compari", "Fa' la cosa giusta" e "Jungle Fever" di Spike Lee, i già citati "Quei bravi ragazzi" e "Casinò", "Cop Land". Ha inoltre lavorato come doppiatore in "Shark Tale" e nel videogioco "Grand Theft Auto".

Il ruolo di Phil Leotardo in I Soprano.

Attiva anche la carriera in tv, con diverse serie da "Le avventure del giovane Indiana Jones" (dove fece il vero mafioso Johnny Torrio) a "Law & Order" e al film tv "Gotti" sull'ultimo dei padrini newyorchesi. Il suo ruolo più celebre resterà probabilmente quello del boss Phil Leotardo ne "I Soprano", per cui ha ricevuto lo Screen Actors Guild Awards 2007 assegnato all'intero cast. Una serie che ha già salutato non pochi dei suoi interpreti, dal protagonista James Galdolfini, compianto e mai dimenticato, a Robert Loggia.