Update: In una nota pervenuta all'Ansa, Medusa ha precisato che non produrrà il film di Sorrentino su Berlusconi, spiegando di non aver mai sentito parlare del progetto.

Dopo Giulio Andreotti de "Il Divo", dopo il Papa eccentrico della serie tv "The Young Pope", non poteva mancare che lui. Paolo Sorrentino si appresterebbe a girare un film su Silvio Berlusconi: la notizia, decisamente sorprendente, arriva in esclusiva dal sito del magazine americano "Variety", secondo cui il regista starebbe già lavorando attivamente a questo nuovo progetto.

"Loro" sarebbe il titolo: distribuirà Medusa?

Così, non fanno in tempo a spegnersi gli entusiasmi su "The Young Pope" con Jude Law, l'attesissima serie tv di Sorrentino di cui sono stati appena presentati i primi due episodi alla Mostra del Cinema di Venezia, che già il dibattito sul regista italiano, premio Oscar per "La grande bellezza", si riaccende. La nuova pellicola, sempre secondo "Variety", si intitolerebbe "Loro" (in un gioco di parole che richiami anche "l'oro") e il cineasta sarebbe già al lavoro sulla sceneggiatura, con l'idea di iniziare le riprese nell'estate 2017. A produrre sarebbe ancora Indigo Film, già responsabile dei suoi precedenti lavori: resta da capire se a distribuire e a co-finanziare il film sarà Medusa, che ha collaborato a "La grande bellezza" di Sorrentino ma è di proprietà dello stesso Berlusconi.

Da Il Caimano a Belluscone: il cinema e l'ex premier.

Non sarà certo facile lavorare sulla controversa figura dell'ex presidente del consiglio: prima di Sorrentino ci hanno provato tra gli altri – con ottimi risultati – Nanni Moretti con "Il caimano" e Franco Maresco con "Belluscone – Una storia siciliana". In entrambi i casi, il personaggio Berlusconi e la sua carriera tra politica, tv e imprenditoria era stata trattata però in modo particolare e mai veramente diretto. Ci sono stati anche documentari o titoli satirici come "Quando c'era Silvio", "Silvio Forever" di Roberto Faenza o "Ho ammazzato Berlusconi", nessuno dei quali è stato un vero successo. Nel caso di Sorrentino, impossibile non pensare al precedente de "Il Divo", biopic decisamente anticonvenzionale ma al tempo stesso dettagliato sulla vita di Andreotti (con un grande Toni Servillo: toccherà sempre a lui il ruolo di Berlusconi?), la cui visione, tra l'altro, mandò su tutte le furie lo storico leader della Democrazia Cristiana.