Rufio e i ‘bambini sperduti' sono personaggi entrati nell'immaginario collettivo grazie al ruolo fondamentale avuto in "Hook – Capitan Uncino", fantastica pellicola di Steven Spielberg con il compianto Robin Williams nei panni di Peter Banning, avvocato di successo che ha dimenticato di essere stato il Peter Pan dell'Isola che non c'è.

Un anno fa, in occasione del 25esimo anniversario della pellicola, i bambini sperduti si sono ritrovati per una serie di interviste e per un servizio fotografico. Impegnati in produzioni minori, gli attori una volta cresciuti hanno preso strade diverse, qualcuno ha anche abbandonato la recitazione. Dante Basco vestiva i panni di Rufio, il leader dei ‘bambini sperduti' che li ha guidati in assenza di Peter Pan

Penso che per tutti noi, la morte di Robin sia stata la morte della nostra infanzia. Abbiamo provato tanta tristezza, ma c'era anche il desiderio di celebrare uno degli artisti leggendari del nostro tempo. Quando ero ancora un bambino, Robin mi ha insegnato cosa significhi essere una star, essere un leader sul set. Era in grado di interpretare qualsiasi cosa gli venisse richiesta

James Madio, il piccolo nel ruolo di Pomata, ricordò così Robin Williams

Manteneva il set pieno di vita e si assicurava di coltivare un rapporto con ognuno di noi.

Ancora Dante Basco (Rufio) nel ricordare i giorni del set, spiega come non avesse realmente in mente quello che sarebbe diventato "Hook – Capitan Uncino" negli anni a venire

Ritrovarsi ad aver fatto parte di qualcosa di così grande, con Robin Williams, Julia Roberts, Dustin Hoffman e la regia di Steven Spielberg, ti fa stare incredibilmente bene.

"Hook – Capitan Uncino" uscì nelle sale italiane nel 1992, fu uno dei film dal maggiore incasso della stagione 1991/92 piazzandosi all'ottavo posto subito dietro "Pensavo fosse amore invece era un calesse" di Massimo Troisi.