C'è sempre posto sul grande schermo per eroi come Rocky Balboa. La lunga saga dedicata al pugile immortalato nell'immaginario collettivo da Sylvester Stallone potrebbe arrivare al settimo capitolo, a dieci anni di distanza da quel "Rocky Balboa" che aveva riportato a nuova vita il personaggio, vera e propria icona negli anni '70 e '80. In molti storceranno probabilmente il naso, dal momento che Stallone è vicino ai 70 anni e nella realtà non avrebbe molte possibilità di tornare a calcare un ring. Ecco che l'attore italoamericano, creatore del personaggio e sceneggiatore di tutti e sei i precedenti film, ha trovato una brillante soluzione. Nel nuovo film, che si intitolerà "Creed" e uscirà probabilmente nel 2016, il vecchio Rocky ha appeso in guantoni al chiodo ma accetta di allenare il giovane pugile Adonis Creed. Quest'ultimo non è altri che il nipote di Apollo, sfidante di Rocky nei primi due film della saga e morto tragicamente nel quarto episodio per mano del poco sportivo campione sovietico Ivan Drago.

La partenza delle riprese è annunciata da tempo, ma Stallone ha confermato la notizia ai molti fan con un tweet in mostra un'immagine dello script del film e la frase "Quando la sceneggiatura è finita". Peccato che l'attore abbia commesso un piccolo errore, mostrando proprio quelle che sembrerebbero essere le ultime pagine con le scene conclusive. Se è davvero così, e non è uno scherzo costruito ad arte dall'attore, ecco allora che verrebbe svelato un clamoroso spoiler: Adonis Creed vince l'incontro finale, ma Rocky scopre di essere ammalato di cancro. Un colpo a dir poco sconvolgente per i fan. Ma chi ha già preparato i fazzoletti, perché questa potrebbe essere davvero l'ultima volta di Rocky sul grande schermo, può consolarsi. Pare infatti che tornerà presto anche l'altro grande eroe di celluloide incarnato da Stallone, il non meno mitico John Rambo. Entrerà presto in preproduzione il film "Rambo V: Last Blood" e il tormentato e ipertrofico reduce del Vietnam sarà inoltre al centro di una serie tv. Nonostante l'età e il botulino, Stallone resta la star action più inossidabile di Hollywood.