Addio a James Karen, caratterista americano noto per alcuni film cult di genere horror. L'attore si è spento a 94 anni nella sua casa di Los Angeles: tra i suoi film più famosi, Poltergeist e Il ritorno dei morti viventi. In tutto aveva lavorato in oltre duecento titoli, tra grande e piccolo schermo. Nato Jacob Karnofsky da genitori ebrei immigrati dalla Russia, era l'ex marito della cantante Susan Reed, da cui aveva avuto un figlio; dal 1986 alla morte è stato sposato con l'attrice Alba Francesca. Di se stesso disse: "Le persone non conoscono il mio nome, ma conoscono la mia faccia perché ho lavorato tantissimo.

La filmografia di James Karen

Nato nel Wyoming nel 1923, aveva iniziato la sua carriera in televisione: ha frequentato il piccolo schermo per tutta la sua carriera, in serie come Le strade di San Francisco, La donna bionica, La famiglia Bradford, Dallas, Beverly Hills 90210, Walker Texas Ranger, JAG – Avvocati in divisa e Cold Case. La sua filmografia al cinema, in compenso, è ancora più lunga: Karen è apparso in film di culto come Tutti gli uomini del presidente, Capricorn One, Sindrome cinese, Invaders, Wall Street, Congo, Piranha. Ha lavorato anche per un grande tutore come John Cassavetes in La sera della prima. I suoi due ruoli più celebri restano però  quello di Mr. Teague nel film Poltergeist – Demoniache Presenze (1982) di Tobe Hooper e quello di Frank ne Il ritorno dei morti viventi (1985) di Dan ÒBannon (in un altro ruolo, ha recitato anche in Il ritorno dei morti viventi 2).

Karen ha lavorato con Gabriele Muccino

Curiosità: Karen aveva lavorato anche con un regista italiano. È infatti apparso in La ricerca della felicità di Gabriele Muccino, al fianco di Will Smith, nel ruolo di Martin Frohm. È stato anche doppiatore in due cartoni animati, The Cleveland Show e American Dad.