Foto di Claudio Iannone
in foto: Foto di Claudio Iannone

Arrivano le prime immagini di Pierfrancesco Favino nel ruolo di Bettino Craxi. Il set è quello di Hammametfilm di Gianni Amelio che prova a offrire un ritratto dell'ex primo ministro e segretario del Partito Socialista Italiano negli ultimi sei mesi della sua vita in Tunisia, dove poi è morto. Un film di cui si era già discusso molti quando venne annunciata la lavorazione, con le prime immagini di Favino, la cui somiglianza con Craxi è impressionante. Merito del trucco certamente, ma c'è da scommettere che sarà notevole l'interpretazione stessa dell'attore.

Hammamet non è un film biografico

Il film di Gianni Amelio arriverà nelle sale cinematografiche il 9 gennaio 2020, dieci giorni prima del ventennale della morte di Bettino Craxi, ed è certamente uno dei prodotti più attesi della stagione, anche per il peso del personaggio interpretato e le polemiche che certamente ne deriveranno, considerando che si tratta di uno degli uomini politici più discussi della storia italiana recente. Gianni Amelio ha infatti voluto chiarire che quella offerta dal film non sarà una ricostruzione dei fatti fedele, una cronaca o un racconto con un intento politico preciso, ma solo la versione di una storia di una storia che meritava di essere raccontata. Una storia che parla del crollo di un uomo che ha detenuto gran potere tra le mani, così come della battaglia dei suoi familiari che lottano per la sua riabilitazione, alla quale si aggiunge un ragazzo misterioso, personaggio di fantasia, che si introduce nel mondo di Craxi.

#Hammamet di Gianni Amelio, dal 9 gennaio al cinema. 🎞

A post shared by Pierfrancesco Favino (@pierfrancescofavino) on

Favino nei panni di Craxi dopo essere stato Buscetta

Pierfrancesco Favino è d'altronde reduce dall'imponente performance ne il Traditore, film di Marco Bellocchio in concorso a Cannes 2019 che ha visto l'attore immergersi nel ruolo del primo pentito di mafia Tommaso Buscetta. Il cast di Hammamet si completa con Livia Rossi, Luca Filippi, Renato Carpentieri, Claudia Gerini e Silvia Cohen.