L’esilarante Zach Braff è riuscito e riunire tra grandissimi premi Oscar per la sua commedia, “Insospettabili sospetti”. Morgan Freeman, Michael Caine e Alan Arkin sono, infatti, nei panni di tre amici pensionati che decidono di rapinare la propria banca che gli ha portato via tutti i soldi del loro fondo pensione, per coprire un’assicurazione aziendale. La pellicola è un remake di “Vivere alla grande”, diretto da Martin Brest, nel 1979, con George Burns, Art Carney e Lee Strasberg e Braff ha voluto girare la sua versione, affidando la sceneggiatura a Theodore Melfi, le musiche a Rob Simonsen e la fotografia a Rodney Charters. Oltre alle tre fenomenali star protagoniste, Braff ha voluto nel cast anche Christopher Lloyd, Matt Dillon e Joey King. “Insospettabili sospetti” sarà nelle nostre sale a partire dal prossimo 27 aprile.

La trama.

Willie, Joe ed Al  sono tre amici che decidono di dare una scossa alle proprie vite da pensionati e deviare dalla retta via quando la banca utilizza il loro fondo pensione per coprire un’assicurazione aziendale. Disperati e pressati dal bisogno di pagare le bollette e sbarcare il lunario, i tre se la rischiano tutta, decidendo di rapinare proprio la banca che gli ha portato via tutti i soldi.

Il cast.

Il cast completo del film è composto da: Morgan Freeman (Willie), Michael Caine (Joe), Alan Arkin (Albert), Joey King (Brooklyn), Christopher Lloyd (Milton), Ann-Margret (Annie), Matt Dillon (Hamer), Peter Serafinowicz (Murphy), Siobhan Fallon Hogan (Mitzi), John Ortiz (Jesus), Josh Pais (Chuck Lofton) e Kenan Thompson.

Le curiosità sul film che dovete sapere.

1. Per Morgan Freeman e Michael Caine è la sesta volta insieme su uno stesso set, mentre Caine e Arkin hanno lavorato assieme in “Sette volte donna”(1967).

2. “Vivere alla grande”, di Martin Brest, vinse il Premio Pasinetti al Festival di Venezia, del 1980. Migliori attori risultarono i tre protagonisti: George Burns, Art Carney e Lee Strasberg.

3. Oltre ai tre premi Oscar, nel film ci sono anche due attori che hanno ricevuto una nomination agli Academy Awards, e cioè Matt Dillon e Ann-Margret.