23 Marzo 2016
23:26

10 cose di “Hugo Cabret” che ancora non sapevate

Martin Scorsese, nel 2011, dirige una parata di stelle per raccontare la storia di Hugo Cabret, un orfanello che vive alla stazione di Parigi, negli anni ’30, al quale un robot giocattolo cambierà totalmente la vita. 5 Oscar e una caterva di altri premi ne hanno fatto un capolavoro del cinema, ma siete sicuri di sapere proprio tutto?
A cura di Ciro Brandi

Martin Scorsese, nel 2011, ha diretto un cast di sole stelle, formato da Asa Butterfield, Chloë Grace Moretz, Ben Kingsley, Christopher Lee, Sacha Baron Cohen e Jude Law – adattando per il grande schermo il romanzo “La straordinaria invenzione di Hugo Cabret” di Brian Selznick, scritto nel 2007. Il grande regista – che per la prima volta nella sua carriera ha usato il 3D – racconta la storia di Hugo Cabret, un bimbo orfano che vive nascosto in una stazione ferroviaria do Parigi, negli anni ‘30. Suo zio è il manutentore degli orologi della stazione, ma quando l’uomo muore, il ragazzo è costretto a rubare per sopravvivere. Suo padre è morto in un incendio, dal quale si è salvato solo un robot giocattolo trovato nella soffitta di un museo Di suo padre gli è rimasto un robot giocattolo trovato nella soffitta di un museo. Ma non sa che proprio quel giocattolo gli cambierà la vita.

1. Lo zampino della figlia di Scorsese

Dietro al progetto del film, c’è lo zampino della figlia di Scorsese, Francesca, che ha regalato al padre, in occasione del suo compleanno, una copia del libro, scritto da Brian Selznick, sperando che ne girasse il film e che lo facesse in 3D.

2. L’amicizia tra il regista e Christopher Lee

Martin Scorsese e il compianto Christopher Lee (scomparso il 7 giugno scorso) sono sempre stati grandi amici, ma non avevano mai avuto l’opportunità di lavorare assieme prima di “Hugo Cabret”. Infatti, quando Scorsese lo ha chiamato per offrirgli il ruolo di Monsieur Labisse, Lee ha semplicemente risposto: “Era ora!”

3. I grandi personaggi della stazione

Durante la prima scena, quando il regista ci porta all’interno della stazione, compaiono in scena vari personaggi storicamente importante, tra cui, Django Reinhardt, James Joyce, Salvador Dalì e Winston Churchill.

4. Solo 3 minuti per Jude Law

Jude Law, che nel film interpreta il ruolo del pare di Hugo, compare effettivamente in scena per soli 3 minuti.

5. L’estasi di James Cameron

Dopo aver assistito ad un’anteprima del film, il visionario James Cameron definì “Hugo Cabret” un capolavoro, affermando che il 3D usato era uno dei migliori mai visti in vita sua, persino migliore di quello dei suoi film.

6. Tra i “1001 Film Da Vedere Prima di Morire”

La pellicola è stata inclusa nella classifica dei “1001 Film Da Vedere Prima di Morire”, di Steven Schneider, uno dei più grandi produttori attualmente in circolazione, specializzato soprattutto in film horror.

7. Le location

La maggior parte delle scene di “Hugo Cabret” è stata girata negli studi di Londra, ma per due settimane la produzione si è spostata a Parigi.

8. Il personaggio di Ben Kingsley

Ben Kingsley, nel film, è nei panni di George Méliès (1861-1938), personaggio assolutamente non inedito, ma anzi, considerato uno dei padri del cinema di fantascienza, anche attore, illusionista e pioniere degli effetti speciali.

9. I premi più importanti

La pellicola di Scorsese si è aggiudicata ben 5 Oscar – Miglior scenografia, Miglior fotografia, Miglior sonoro, Miglior montaggio sonoro e Miglior effetti speciali – ma anche 1 Golden Globe per la Migliore regia e 2 BAFTA per la Migliore scenografia e Miglior sonoro

10. Gli incassi non esaltanti

Gli incassi totali di “Hugo Cabret” hanno raggiunto la cifra di 185.770.160 dollari. Non altissima, rispetto alle previsioni e al clamore.

Le 10 cose di “The Untouchables – Gli Intoccabili” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “The Untouchables – Gli Intoccabili” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “Gli Aristogatti” che ancora non sapevate
Le 10 cose de “Gli Aristogatti” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Biancaneve” che ancora non sapevate
Le 10 cose di “Biancaneve” che ancora non sapevate
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni