25 anni fa, il 4 giugno 1994, ci lasciava Massimo Troisi. Venne portato via troppo presto da un fatale attacco cardiaco il giorno dopo aver terminato la sua ultima fatica, "Il postino", che si è trasformato nel suo testamento spiritale e ha consacrato la sua carriera. Personaggio indimenticato e indimenticabile, a chi lo ama non è necessario un anniversario per ricordarlo; più che mai in questi giorni, però, gli omaggi al regista e attore napoletano si affastellano in un enorme e sentito tributo a un grande artista.

Il ricordo di amici e colleghi

Enzo Decaro, grande amico e collega de La Smorfia, ospite con Lello Arena e Maria Grazia Cucinotta nell'ultima puntata di Che tempo che fa, ha ricordato Troisi così: “In questi primi 25 anni senza Massimo, per fortuna solo fisicamente, la forza di Massimo si sente ancora. Dietro la comicità di Troisi c’era sempre il pensiero". "Devo tutto a Troisi", ha sottolineato la Cucinotta nello studio di Fazio, definendo Il Postino, la pellicola che girò con lui, come "un film che ha una magia". Sempre in occasione dell'anniversario, Lello Arena ne ha regalato un tenero ritratto su Repubblica:

La sua straordinarietà? Era la diversità dei geni. Penso ai bambini"indaco", quelli che esprimono energia e creatività nei modi più imprevedibili. Io da maestro elementare sapevo riconoscerli. E sapevo che il talento richiede uno sfogo perché altrimenti diventa follia o infelicità. (…) Per Massimo la vita era un gioco. Un gioco da fare con una serietà che rasentava l'esasperazione, ma restava divertimento.

Massimo Troisi, l'omaggio a Techetechetè

I fan di Troisi non posso perdere il tributo che Rai1 dedicherà all'attore e regista: alle 20.30 di stasera andrà in onda una puntata di Techetechetè dal titolo “Massimo Troisi. Ci siamo tanto amati”. Sotto, alcuni dei ricordi che stanno affollando il mondo social, da parte di personaggi del mondo dello spettacolo, del giornalismo e della politica.

Domani è l’anniversario della morte del mio amico Massimo Troisi…Artista immenso….

A post shared by Nino D'Angelo (@nino.dangelofficial) on