"50 sfumature di nero" è sbarcato nelle sale di tutto il mondo, anche con effetti piuttosto bizzarri. È singolare la scelta del Diamond Cinema, sala cinematografica di Navan, in Irlanda, che ha deciso di vietare l'ingresso ai maschi non accompagnati. Solo donne o coppie hanno dunque la possibilità di assistere alle proiezioni del piccante e attesissimo film con Dakota Johnson e Jamie Dornan, secondo capitolo della trilogia aperta due anni fa da "50 sfumature di grigio".

Il motivo? Semplice: le numerose scene erotiche presenti in "50 sfumature di nero" potrebbero scatenare il desiderio sessuale dei maschietti single, come ha spiegato l'esercente:

Beh, si tratta di un film talmente eccitante che ho preferito tenere gli uomini non accompagnati fuori, fino a quando non avremo valutato bene la situazione. Con l'enorme quantità di ormoni femminili presenti in sala, i maschi potrebbero cadere in  tentazione.

Ai poveretti privi di un'accompagnatrice, non resterà che ripiegare su film più "innocenti".

50 sfumature di nero domina il box office

Tranquilli: non ci sono veti simili nelle sale italiane, dove il film è uscito già il 9 febbraio. Gli incassi al box office del primo giorno hanno visto il dominio assoluto di "50 sfumature di nero" , che ha totalizzato oltre 1,4 milioni di euro e 195.987 presenze. Un ottimo risultato (seppur inferiore a quello registrato due anni fa da "50 sfumature di grigio"), replicato dai 1.343.333 euro incassati dal film nel secondo giorno di programmazione (il 10 febbraio) con 183.715 presenze.