27 Marzo 2013
10:01

A 50 anni dall’uscita del Gattopardo spuntano nuove scene inedite

Il capolavoro indiscusso di Luchino Visconti festeggia i 50 anni con la scoperta di nuove scene inedite.
A cura di Aureliano Verità
Il Gattopardo 01

Il Gattopardo”, film datato 1963, diretto dal maestro Luchino Visconti e tratto dall'omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, vinse nientemeno che la Palma d'Oro come Miglior Film al 16esimo Festival di Cannes. Fu il lungometraggio che più di tutti rappresenta un vero e proprio momento di svolta nel percorso artistico di Visconti, in cui l'impegno nel dibattito politico-sociale del militante comunista si attenua, in favore di una ricerca del mondo perduto, che caratterizzerà i successivi film di ambientazione storica. Il regista stesso, a proposito del film, indicò come propria meta il raggiungimento del giusto connubio tra il Mastro-don Gesualdo di Giovanni Verga e la Recherche di Marcel Proust.

Il Gattopardo 02

Annoverato tra i 100 film italiani da salvare, la lista di pellicole nata con lo scopo di segnalare i 100 titoli che hanno cambiato la memoria collettiva del Paese tra il 1942 e il 1978, il capolavoro di Visconti torna sotto i riflettori a cinquant'anni dall'anteprima mondiale tenutasi al Barberini di Roma il 27 marzo 1963. Alberto Anile e Maria Gabriella Giannice, autori del libro “Operazione Gattopardo”, hanno riscoperto alcune scene tagliate tra cui ritroviamo Don Fabrizio in una stanza d'albergo intento ad amoreggiare con una cocotte, oppure Tancredi che esorta Don Calogero a utilizzare i militari contro i contadini e Pallavicino che profetizza l'arrivo delle camicie nere. Quale miglior maniera per festeggiare al meglio l'anniversario di un pezzo così importante della cultura italiana?

"Nuove Scene da un Matrimonio", torna Mengacci in tv
Inedita Bianca Guaccero a 14 anni
Inedita Bianca Guaccero a 14 anni
14.100 di ColorataTV
I 50 anni di Johnny Depp
I 50 anni di Johnny Depp
17.465 di Spettacolo Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni