Andrà alla divina Jane Fonda il premio alla carriera consegnato nel corso dei Golden Globe 2021, più precisamente il Cecil B. DeMille Award. Di "globi d'oro" l'attrice americana ne ha vinti ben sette, con 60 anni di carriera alle spalle, due Oscar e un lungo percorso di attivista politica che anche oggi, a 83 anni, porta avanti con più forza che mai (tanto da criticare apertamente Donald Trump anche nella tv italiana).

Quando si tengono i Golden Globe 2021

La cerimonia dei 78esimi Golden Globe si terrà domenica 28 febbraio 2021, un po' in ritardo rispetto alle tempistiche consuete. A causa della pandemia, infatti, tutto è slittato (la cerimonia degli Oscar addirittura andrà in onda il 25 aprile). Ricordiamo che i Globe sono i premi assegnati dalla stampa estera a Hollywood, a film e serie tv. "La Hollywood Foreign Press Association ha l’onore di assegnare questo premio a Jane Fonda", ha dichiarato il presidente della HFPA Ali Sar., "Per più di cinquant’anni, il lavoro instancabile di Jane si è unito all’attivismo nei confronti delle cause più importanti. Il suo straordinario talento è stato riconosciuto in ogni modo, e se la sua carriera ha subìto continue evoluzioni, il suo impegno per il cambiamento è invece rimasto immutato".

La carriera di Jane Fonda

Figlia del grande attore di Hollywood Henry Fonda, con cui ebbe un rapporto intenso e burrascoso, Jane Fonda ha iniziato a recitare negli anni 60, per registi come Joshua Logan ( In punta di piedi), Arthur Penn (La caccia),  Otto Preminger (E venne la notte). Resta indimenticabile in A piedi nudi nel parco con Robert Redford, mentre il sodalizio con Roger Vadim, regista francese che fu suo marito, la rese una superstar con Barbarella. Ha vinto due Oscar come attrice protagonista per Una squillo per l'ispettore Klute e Tornando a casa. In anni più recenti ha partecipato a La giovinezza di Paolo Sorrentino e ha vinto un Emmy per la serie Grace & Frankie. I sette Golden Globe le sono andati per Una squillo per l'ispettore Klute, Giulia e Tornando a casa, oltre a al riconoscimento come miglior attrice emergente per In punta di piedi e ben tre premi come "miglior attrice nel mondo" guadagnati nel 1973, 1979 e 1980.