Si è spento all'età di 89 anni l'attore franco-britannico Michael Lonsdale conosciuto per aver interpretato nella sua lunga carriera cinematografica ruoli di rilievo e ricordato per essere stato Hugo Drax, il nemico dell'iconico agente segreto, nell'undicesimo film di 007. L'ultima sua apparizione sul grande schermo risale al 2016.

La carriera nel cinema

La notizia della morte di Michael Londsdale è stata diffusa dal suo agente nelle scorse ore. Nato a Parigi nel 1931 era di madre francese e padre britannico, di fatti sin dall'infanzia era perfettamente bilingue, cosa che gli ha giovato nei 60 anni di carriera nel mondo del cinema e anche dell'arte, dal momento che era conosciuto anche come pittore. L'ultimo film a cui ha preso parte è del 2016, ma ha interpretato oltre 200 ruoli, fra cinema, teatro, radio e tv.  Nella sua lunghissima attività artistica ha avuto l'opportunità di lavorare con registi del calibro di Orson Welles, François Truffaut, Louis Malle, Luis Buñuel, Ermanno Olmi, Steven Spielberg, Jean-Pierre Mocky e Jean Eustache.

La passione per il teatro

Michael Lonsdale può vantare una lunga carriera anche in ambito teatrale, di fatti ha messo in scena numerosi testi, alcuni anche piuttosto di recente, fra i quali ricordiamo: "Maria Maddalena" dei fratelli Martineau e "La Notte" di Marina Tsvetaeva di Valeria Moretti che sono stati interpretati dal noto attore nei primi anni del 2000. Tra gli altri progetti di rilievo a cui ha preso parte in veste di attore, c'è anche la lettura radiofonica di testi famosi di letteratura e filosofia. Come doppiatore, invece, lo ricordiamo nel 1982, quando ha prestato la sua voce per la narrazione di Chronopolis, di Piotr Kamler, anche se nella versione successiva del 1988 il suo contributo verrà rimosso. Cattolico impegnato, Lonsdale faceva parte del Movimento carismatico.