Al cinema non va più nessuno. Il primo weekend di marzo fa numeri tristissimi e vede in testa un film d'animazione, l'ennesimo dalla serie di Akira Toriyama, "Dragon Ball Super: Broly": l'incasso è di 1.669.000 euro per circa 233mila presenze. Non è questa la sede per analizzare i perché e i come, ma non si può fare a meno di notare che i numeri che leggiamo al Box Office (fonte Cinetel) sono sempre più imprevedibili e tendenti verso il basso.

L'effetto Oscar mantiene ancora in alto "Green Book", subito dietro al nuovo film sulle avventure di Goku, che incassa 1.453.611 euro per 230mila presenze. Terzo posto per "10 giorni senza mamma" di Alessandro Genovesi che incassa 714mila euro per 115mila presenze (un totale di quasi 7 milioni di euro incassati, il film italiano migliore nel 2019). Al quarto posto c'è "Domani è un altro giorno", la storia di due grandi amici totalmente diversi, con Marco Giallini e Valerio Mastandrea (a proposito, ormai c'è solo Marco Giallini al cinema): circa 706mila euro per 110mila presenze. Il film horror "Ancora auguri per la tua morte" realizza 554mila euro su 79mila presenze circa.

Anche Clint Eastwood è ancora tra i primi 10 della settimana: "Il corriere – The Mule" fa segnare 534mila euro su 83mila presenze. "Croce e delizia", il film diretto da Simone Godano con Alessandro Gassman e Fabrizio Bentivoglio, realizza al primo weekend solo 531mila euro per 82mila presenze. "The Lego Movie 2" incassa 491mila euro per 81mila presenze, "Un uomo tranquillo" con Liam Neeson porta al cinema in 75mila e incassa 463mila euro. Il decimo posto è per "Modalità aereo", il film di Fausto Brizzi ha incassato nel weekend 412mila euro per circa 69mila presenze: dalla sua uscita, il film con Lillo, Paolo Ruffini e Dino Abbrescia ha incassato circa 1.2 milioni di euro.