Il David di Donatello 2019 per il Miglior attore protagonista va ad Alessandro Borghi per il film "Sulla mia pelle". La pellicola, diretta da Alessio Cremonini sulle ultime ore di vita di Stefano Cucchi, ha emozionato e lasciato senza parole l'Italia intera. Il David ad Alessandro Borghi è il giusto riconoscimento, lui gira il premio proprio al ragazzo morto il 22 ottobre 2009, le cui cause e responsabilità sono state oggetto di procedimenti giudiziari che hanno coinvolto agenti di polizia penitenziaria, carabinieri e medici del carcere di Regina Coeli.

Il discorso di Alessandro Borghi

Consegnato da Uma Thurman, Alessandro Borghi ritira il premio e ringrazia la sua collega Jasmine Trinca, il regista Alessio Cremonini e poi la famiglia Cucchi e lo stesso Stefano, a cui dedica idealmente il premio.

Grazie alla famiglia Cucchi, per essersi fidati di me. Grazie alla mia famiglia, alle persone che stanno con me, che hanno pagato le conseguenze dei sacrifici fatti per realizzare questo film. E poi questo premio è di Stefano Cucchi. Ed è un premio che voglio dedicare agli esseri umani e all'importanza di essere considerati tali, a prescindere di tutto.

La reazione di Ilaria Cucchi

Ilaria Cucchi su Facebook ha ringraziato Alessandro Borghi per il gesto di dedicare a Stefano e alla sua famiglia il premio come miglior attore progonista ai David di Donatello 2019.

Sono commossa.
Alessandro Borghi ha vinto il David di Donatello come miglior attore protagonista per il film sulla storia di mio fratello.
"Grazie alla famiglia Cucchi per essersi fidata di me. E poi questo premio è di Stefano".
Grazie a te Alessandro. Le tue parole e gli applausi hanno scaldato il cuore di mia mamma stasera.
Complimenti ad Alessio Cremonini per il premo miglior regista emergente e grazie ai ragazzi delle scuole che hanno votato "Sulla mia pelle" come miglior film

Tutti i premi ai David 2019

Miglior attore protagonista è Alessandro Borghi per "Sulla mia pelle", il film dedicato alla memoria di Stefano Cucchi. Miglior attrice protagonista è Elena Sofia Ricci per il film "Loro" di Paolo Sorrentino. Miglior attrice non protagonista è Marina Confalone per il film "Il vizio della speranza": "Alla mia terra, ai napoletani che hanno buona volontà, al mio compagno Gigi, che ha molta buona volontà con me". Miglior autore della fotografia è Nicolai Brüel per il film "Dogman". Il premio speciale dello spettatore va al film di Gabriele Muccino "A casa tutti bene". Edoardo Pesce è il miglior attore non protagonista per "Dogman". Tim Burton premia il miglior regista esordiente: Alessio Cremonini per il film "Sulla mia pelle" (vince anche il David giovani, votato da 3000 giurati).  Matteo Garrone, Massimo Gaudioso e Ugo Chiti vincono la miglior sceneggiatura originale per "Dogman". Miglior documentario a Nanni Moretti per "Santiago, Italia".