Non c'è pace per Armie Hammer. Dopo lo scandalo che lo ha travolto in quest'ultimo mese, accusato di vampirismo, cannibalismo e tacciato come predatore sessuale, l'attore americano sta man mano perdendo terreno sulla collina di Hollywood e, infatti, è stato allontanato dal ruolo che lo vedeva accanto a JLo nel film "Shotgun Wedding", tra i cui produttori figurava anche Ryan Gosling. Piano piano, quindi, la carriera del giovane divo si sta sgretolando.

La conferma della sostituzione

Aveva annunciato lui stesso che avrebbe abbandonato il progetto, temporaneamente, per poter stare accanto ai suoi figli nel pieno dello scandalo che lo ha convolto e che, dopo aver parlato con i produttori di Shotgun, sembrava che anche le riprese potessero aspettare e invece Armie Hammer è stato costretto a lasciare anche questo progetto. Dopo il cosiddetto "cannibal-gate" l'attore è stato allontanato anche da un'altra produzione importante: era stato scelto dalla Paramount per "The Offer", la serie tv che ricostruiva la genesi del film "Il Padrino". Insomma, ora che la sua carriera stava decisamente prendendo il volo, dopo essere stato scelto in ruoli apicali per film di successo, l'attore ha dovuto fare un passo indietro, soprattutto dopo le dichiarazioni che sul suo conto ha rilasciato la sua ex fidanzata, Page Lorenze, la quale in più di un'intervista non si è risparmiata nel rivelare dettagli scabrosi e inquietanti sul loro rapporto.

Chi ci sarà al posto di Armie Hammer

A prendere il suo posto, quindi, nella commedia con protagonista Jennifer Lopez, sarà l'attore Josh Duhamel. Il 48enne che abbiamo visto in film come "Safe Haven", "Qualcosa di buono" e in serie televisive come Las Vegas, prenderà il ruolo del protagonista. Nel film viene raccontata la storia di Darcy e Tom, due novelli sposi, che trascinano le proprie famiglie in un'avventurosa cerimonia. Ma accade un inconveniente: i loro parenti sono presi in ostaggio durante il viaggio e, quindi, saranno loro a dover risolvere la situazione che li porterà a riflettere sulla loro unione.