47 CONDIVISIONI

Ava Gardner, dal letto di morte racconti di sesso e alcolismo

L’attrice morì nel 1990, passò gli ultimi periodi della sua vita a narrare dei suoi matrimoni con Rooney, una sorta di womanizer inarrestabile, Show che credeva lei fosse una stupida e soprattutto Sinatra, col quale ebbe costanti litigi. Storie di sesso, scontri, alcohl e tradimenti.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
A cura di Andrea Parrella
47 CONDIVISIONI
Immagine

Ava Gardner è morta nel 1990, in solitudine, a causa di una polmonite. Una delle più celebri regine di Hollywood raccontò, durante l'ultimo periodo della sua vita segreti intimi riferiti ai suoi tre matrimoni: Mickey Rooney, Artie Show e, soprattutto, la sua storia combattuta e controversa con Frank Sinatra. Per quanto la sua bellezza fosse folgorante la Gardner raccontò al giornalista Pete Evans di non essere mai stata la parte dominante nei rapporti matrimoniali che si sono avvicendati nella sua vita. Il primo marito, l'attore Rooney, era una sorta di lupo pronto ad agguantare qualunque cosa si muovesse: "Mi disse ‘Volevo fare sesso con te dal giorno in cui t'ho vista'. Io ero scioccata, avevo solo 18 anni ed ero ancora vergine, poi ho imparato presto". Ava racconta anche di essere stata ripetutamente tradita da Rooney, anche quando si trovava in un letto di ospedale a causa di un'appendicectomia. La sua relazione con Rooney finisce nel 1944.

L'anno successivo sposò appunto Artie Show, un rapporto burrascoso li legava, probabilmente la relazione più irrilevante che abbia avuto. La Gardner fumava tre pacchetti di sigarette al giorno ed era costantemente ubriaca, al punto che "Voleva convincermi che fossi una grandissima stupida. Non avevo un enorme quoziente intellettivo, ma di certo ne avevo uno alto. Mi sottopose ad un test per verificare che fosse così". Una settimana dopo il primo anniversario, Show lasciò Eva Gardner per un'altra donna: "Il bastardo mi spezzò il cuore". Eva non ebbe relazioni durature sino al 1951, quando conobbe Frank Sinatra in contemporanea al suo rapporto con Robert Mitchum. "Ero pazza di lui, mi disse che avrebbe lottato per me con Sinatra sino a quando uno dei due non sarebbe morto". Ma l'idillio con Sinatra fu inevitabile, nonostante la sua amica Turner, che aveva già avuto una relazione con The Voice, tentò di dissuaderla ad intraprendere la relazione: "Non farlo, ci sono già passata".

Ava Gardner e Frank Sinatra ebbero un primo appuntamento entusiasmante: "Ci trovammo di notte, ubriachi, a Palm Springs a sparare ai lampioni con la sua calibro 38". Ma resta tuttavia evidentemente che nemmeno questo rapporto consisté per Ava in qualcosa di duraturo e stabile. Fino al 1957 i due non fecero che litigare costantemente, ubriacarsi e l'attrice dovette sopportare anche il dolore di un doppio aborto. Nel 1957 decisero di mettere fine alla loro relazione, conservando tuttavia un rapporto di vicinanza e di affetto che non li ha mai tenuti lontani. La Gardner ha terminato la sua vita pressoché in miseria, malata e malconcia. Solo nel 1990 decise appunto di confessare al giornalista particolari succulenti come questi delle sue relazioni, tanto che lo stesso Evans si è sempre chiesto se Sinatra non l'abbia pagata per quanto avrebbe guadagnato dalla biografia affinché non confessasse tutti quei segreti.

47 CONDIVISIONI
Morte Michael Jackson, le nuove foto della camera da letto
Morte Michael Jackson, le nuove foto della camera da letto
Morto Elio Sorci, fu il primo paparazzo della Dolce Vita
Morto Elio Sorci, fu il primo paparazzo della Dolce Vita
Elisabetta Canalis assicura: "Nel sesso le dimensioni non contano"
Elisabetta Canalis assicura: "Nel sesso le dimensioni non contano"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views