Prosegue l’ondata di solidarietà che ha investito la piccola Gianna, figlia di George Floyd. La morte dell’uomo, spirato durante un fermo della polizia a Minneapolis mentre veniva tenuto bloccato sull’asfalto dal ginocchio dell’agente Derek Chauvin premuto sul collo, sta mettendo a ferro e fuoco gli Stati Uniti. Sono ancora caldissime le proteste che hanno visto il coinvolgimento di migliaia di manifestanti, rinfocolate dalla morte di Rayshard Brooks, altro afroamericano ucciso ad Atlanta dopo essere stato raggiunto da due colpi di pistola esplosi da un poliziotto. A Gianna è andata la solidarietà di migliaia di persone, impegnate affinché alla bambina, rimasta orfana a soli 6 anni, sia garantito un futuro.

Il regalo di Barbra Streisand

Barbra Streisand ha fatto recapitare alla piccola Gianna, figlia di George Floyd, un documento che attesta l’acquisto a suo nome di azioni Disney. Secondo Variety, il valore di ogni azione si attesterebbe intorno ai 150 dollari. Insieme al portafoglio azionario, la cantante ha fatto recapitare alla piccola due dei suoi album più famosi, “My Name is Barbra" (1965) e "Color Me Barbra" (1966). È stata la stessa Gianna a rendere noto via Instagram il dono ricevuto dall’artista. “Grazie Barbra Streisand per il mio pacchetto, ora sono un azionista della Disney grazie a te” recita la didascalia del post pubblicato sull’account ufficiale Instagram della piccola per ringraziare la cantante.

La rete di solidarietà intorno alla figlia di George Floyd

Alla piccola Gianna è andato il supporto incondizionato di personaggi del calibro di Oprah Winfrey e Michelle Obama. Kanye West ha istituito per lei un fondo destinato a coprire le tasse scolastiche necessarie alla sua istruzione, mentre migliaia di sostenitori hanno partecipato alla raccolta fondi istituita GoFundMe il cui obiettivo consiste nel raccogliere denaro necessario a consentire alla bambina di vivere una vita economicamente serena. Attraverso la campagna sono già stati raccolti oltre 2 milioni di dollari.