Dario Argento è al lavoro su un nuovo progetto, come svelato da lui stesso in un'intervista rilasciata ai microfoni di Un Giorno da Pecora, su Rai Radio1. Il regista 78enne, Maestro del brivido nel cinema italiano, per una volta si stacca dal grande schermo e segue le orme di molti colleghi: sta realizzando una miniserie destinata a una piattaforma di streaming.

Ci stiamo lavorando con gli sceneggiatori, manca un po' di tempo ancora ma sono contento del risultato. Sarà un film a puntate, per la televisione, composto da otto episodi in tutto. Lo faremo per Netflix o Amazon.

Una miniserie girata in inglese

Il cineasta non ha fornito che pochi dettagli, a partire dalla data d'uscita: probabilmente la serie dovrebbe essere rilasciata per la fine del 2020. Ancora ignoto il titolo (“Ne abbiamo due o tre in mente, poi decideremo quale scegliere”), mentre le scarne informazioni dicono che “La protagonista sarà una donna, straniera perché la società che lo co-produce è americana, e lo gireremo in inglese”. I conduttori di Un Giorno da Pecora Geppi Cucciari e Giorgio Lauro hanno cercato di sapere quanti omicidi dobbiamo aspettarci da Argento, che da sempre ci ha abituati a fiumi di sangue: “Una quindicina credo”.

Dario Argento è pro Tav e critica il governo

A Un Giorno da Pecora, Argento non ha parlato solo di regia. Sollecitato da Lauro e dalla Cucciari, si è lasciato andare ad alcune frecciatine in ambito politico:  "Saltasse il governo, chi se ne frega. Non sarebbe male, io gli darei una spintarella energica. Perché per il governo spererei in un qualcosa di diverso". Senza temere di schierarsi, si è detto a favore della TAV: “Perché c'è un gruppo politico a cui sono affezionato che dice si a quest'opera, mi riferisco al Pd”. Scherzosamente, non ha dubbi su un eventuale ruolo del neo segretario del Pd Nicola Zingaretti in un suo film: “Potrebbe fare un poliziotto, come suo fratello in Montalbano” (Luca Zingarettti, ndr).

Argento al lavoro anche su un videogioco

Non si tratta dell'unico progetto per Argento, coinvolto anche nella realizzazione di un videogioco tutto italiano di genere thriller, "Dreadful Bond", realizzato dagli sviluppatori di Clod Studio. Risulta invece ufficialmente cancellato l'atteso "The Sandman", il film che doveva segnare il ritorno di Argento al cinema con nientemeno che Iggy Pop nei panni del protagonista. L'ultimo film diretto dal regista è "Dracula 3D", del 2012.