675 CONDIVISIONI
3 Gennaio 2016
14:53

Dario Franceschini elogia Zalone: “Il successo di Quo Vado fa bene al cinema italiano”

Il Ministro della Cultura cinguetta un tweet di complimenti al film con il comico pugliese, che vanta un esordio record e sta riempiendo le sale di tutta Italia: “Grazie a Checco Zalone. Il successo di Quo Vado fa bene a tutto il cinema italiano e avvia alla grande un 2016 di ritorno nelle sale”. Non tutti però sono d’accordo: “Fa ridere, ma riporre in lui il futuro del cinema italiano è deprimente”.
A cura di Valeria Morini
675 CONDIVISIONI

Il successo di Checco Zalone e di "Quo vado?", pare inarrestabile. Dopo il record della giornata d'esordio (7 milioni di euro) e le sale strapiene, arriva anche il plauso del mondo politico. Il Ministro dei beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini ha espresso vivi complimenti al comico e al film diretto da Gennaro Nunziante, che si appresta a bissare probabilmente l'enorme fortuna del precedente "Sole a catinelle" (il film italiano con maggiori incassi nella storia del boxoffice).

Grazie a Checco Zalone. Il successo di Quo Vado fa bene a tutto il cinema italiano e avvia alla grande un 2016 di ritorno nelle sale.

La corsa alle sale del pubblico, secondo l'esponente del governo, è insomma una vera panacea per l'industria cinematografica nazionale, che le statistiche vedono in crisi ormai da decenni. Davvero sarà la comicità di Zalone a salvare l'italica settima arte?

Le risposte: "Deprimente riporre in Zalone il futuro del cinema"

Molti utenti non sembrano però essere d'accordo con Franceschini, a leggere alcune delle risposte al suo tweet.

Checco Zalone è bravo e fa ridere, ma riporre in lui e nei suoi film natalizi il futuro del cinema italiano è deprimente.

Il problema è questo: fin quando il nostro min. della cultura associa il "nostro cinema" a Checco Zalone, dove vogliamo andare?

Veramente al cinema italiano farebbero bene anche le piccole produzioni che però nessuno distribuisce, come per i libri.

Aiutiamo gli esercenti a potersi permettere anche altro oltre Checco Zalone? Magari alzando anche gli Standard della commissione

E sai com'è… una volta avevamo solo Fellini, Antonioni, Ferreri, i f.lli Taviani. E non facevano soldi dileggiando la Puglia.

Altri, invece, regalano qualche frecciatina sarcastica e critica allo stesso Franceschini e, per esteso, alla politica italiana:

Ma lo hai visto? No perché il film è spassoso, ma si ride amaro. Per voi politici dovrebbe fungere da tutorial

Risate! Checco Zalone unico, ma se a far ridere è la situazione vera del nostro paese qualche domanda me la farei.

Franceschini e quel cambio di tweet

Curiosità: in realtà Franceschini aveva scritto un altro tweet, poi cancellato, che diceva: "L'incredibile record di Quo Vado?, con sale ovunque stracolme di spettatori, fa bene a tutto il cinema italiano". Così era un po' troppo?

675 CONDIVISIONI
Nelle sale francesi arriva Irréductible, il remake di Quo Vado? di Checco Zalone
Nelle sale francesi arriva Irréductible, il remake di Quo Vado? di Checco Zalone
Zalone non si ferma più,
Zalone non si ferma più, "Quo Vado?" supera i 50 milioni di euro d'incasso
"Quo Vado?" è il film di Zalone che piace di più ai lettori di Fanpage
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni