video suggerito
video suggerito

DiCaprio testimone in tribunale per una causa a “The Wolf of Wall Street”

L’attore dovrà testimoniare per la causa intentata da Andrew Greene, cui è ispirato lo “spregiudicato ed immorale” personaggio di Tappetino in The Wolf of Wall Street. Green ha chiesto un risarcimento di 50 milioni di dollari.
A cura di Andrea Parrella
15 CONDIVISIONI
Immagine

Leonardo DiCaprio dovrà testimoniare in tribunale. Un giudice federale ha infatti disposto un processo per diffamazione nei confronti della produzione e gli sceneggiatori dopo la denuncia da parte Andrew Greene, amico d'infanzia di Jordan Belfort, protagonista della vicenda raccontata nel film The Wolf of Wall Streetil film del 2013 diretto da Martin Scorsese. La figura di Greene viene rappresentata col personaggio di Nicky "Rugrat" Koskoff, nella versione italiana chiamato Tappetino, per via del toupet piuttosto evidente che porta sulla sua testa. Secondo Greene il suo personaggio è stato diffamato tramite la sua rappresentazione nel film. Per questo motivo ha citato in giudizio, richiedendo la cifra di 50 milioni di dollari, Viacom e la Paramount Pictures. Stando ai legali di Greene, Koskoff, interpretato nel film dall'attore P.J. Byrne, è un personaggio spregudicato ed eticamente immorale completamente distante da lui.

Perché DiCaprio deve testimoniare?

Greene ha richiesto tramite i suoi avvocati che di DiCaprio venisse ascoltato nonostante sia Scorsese  che lo sceneggiatore Terence Winter avessero già testimoniato e non ci fosse alcun motivo per ascoltare anche la star, considerando che non ha partecipato alla stesura della sceneggiatura o abbia interpretato il personaggio al centro della causa. La difesa della Paramount ha affermato che il personaggio di Koskoff è stato il frutto di un insieme di fonti di ispirazione, tra cui proprio il riferimento alla sua persona.

The Wolf of Wall Street è un film del 2013, candidato in quell'anno a cinque premi Oscar. Tratto dal libro autobiografico di Jordan Belfort, racconta l'ascesa e la caduta del broker americano creatore della Stratton Oakmont, un vero e proprio impero in grado di frodare per diversi anni il Fisco americano, prima di finire in prigione.

15 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views