È morta a Roma a 84 anni la commediografa, scrittrice e sceneggiatrice Iaia Fiastri, conosciuta anche come Jaja Fiastri, pseudonimo di Maria Grazia Pacelli. Fu la protagonista di una brillante stagione del teatro italiano negli anni a cavallo tra i Settanta e gli Ottanta. Nel 1974, insieme a Garinei e a Giovannini, firmò Aggiungi un posto a tavola. Proprio il cast di attori che si trova attualmente al teatro Brancaccio con la celebre commedia ha ricordato questa straordinaria artista con un lungo applauso.

Il cordoglio di Enzo Garinei

Enzo Garinei, fratello del noto commediografo e regista teatrale Pietro, ha ricordato la Fiastri cui ha dedicato parole di profondo cordoglio. La commediografa sarebbe stata gravemente malata da tempo: “Iaia Fiastri era una grande signora della commedia musicale, per tutti noi che facciamo parte del mondo di Garinei e Giovannini è una brutta perdita, una perdita incolmabile. Sapevamo della sua malattia ma fino all’ultimo speravamo che Iaia avrebbe superato questo difficile momento”.

La carriera di Iaia Fiastri

Artista dotata di una scrittura elegante, brillante nel ritmo e mai volgare, Iaia Fiastri era nata a Roma il 15 settembre 1934. Fu una delle pochissime donne a essere riuscite a imporsi in un ambiente decisamente maschile. Debuttò negli anni Sessanta al fianco di registi di fama nazionale del calibro di Dino Risi e Pasquale Festa Campanile. Con il primo collaborò alla stesura dei film Il marito è mio e l’ammazzo quando mi pare e Vedo nudo. Nel 1969 Pietro Garinei e Sandro Giovannini la convocarono e insieme diedero vita alla commedia teatrale che diede vita a un vero e proprio genere, dominando il mondo del teatro italiano fino agli anni Ottanta. Negli anni, la Fiastri ha continuato a scrivere per il cinema, ma il teatro è rimasto la sua più grande passione e la sua principale attività professionale.