È morto all'età di 72 anni Ben Cross, attore inglese noto al grande pubblico per la sua interpretazione sul grande schermo del personaggio di Harold Abrahams, atleta olimpico tra i protagonisti del film Momenti di Gloria, pluripremiato agli Oscar del 1981. L'attore si è spento in seguito a una breve malattia, a dare notizia del suo triste decesso è stata la famiglia, attraverso un comunicato pubblico con cui ha annunciato il decesso di Cross, avvenuto la mattina del 18 agosto. Per una pura casualità, la morte dell'attore giunge a poche settimane da quella di un altro attore che aveva preso parte al film Momenti di Gloria, Ian Holm, ovvero Sam Mussabini, il coach di Abrahams nel film.

Nato a Londra nel 1947, Harry Ben Cross dato il via alla sua carriera di attore recitando a scuola, che ha lasciato presto per lavorare come lavavetri, cameriere, falegname e altri mestieri, prima di essere ammesso alla Royal Academy of Dramatic Arts di Londra quando aveva soli 22 anni, aggiudicandosi premi e riconoscimenti importanti per le sue perfomance. Il suo debutto nel mondo del cinema avviene a 29 anni, precisamente nel 1976, con un ruolo nel film A Bridge to Far. Oltre al ruolo già citato in Momenti di Gloria, Ben Cross è ricordato anche per quello dell'avvocato Billy Flynn in Chicago e quello di Sarek nel reboot di Star Trek del 2009. La carriera di Cross non si è fermata e l'attore ha continuato a recitare per il cinema, la tv e il teatro. Nel 1995 ha interpretato il malvagio principe Malagant in Il primo cavaliere accanto a Richard Gere, Sean Connery e Julia Ormond. L'attore ha continuato a lavorare fino a pochi mesi fa, prendendo parte a The Hurricane Heist nel 2018 e Last Letter From Your Lover prossimamente in arrivo su Netflix e l'horror The Devil's Light le cui riprese si sono concluse solo 10 giorni fa.

Particolarmente significativo, soprattutto per l'enorme riscontro ottenuto dal film, resta tuttavia il ruolo di Harold Abrahams nel film del 1981 che racconta la storia di due atleti, uno di origine ebraica e l'altro cristiano, durante le olimpiadi del 1924.