Il 13 luglio è morto l'attore australiano Richard Carter, interprete di numerosi film, tra cui spiccano alcuni titoli notissimi del cinema internazionale. La notizia è stata divulgata dall'agenzia che rappresentava l'attore, la Lisa Mann Creative Management, anche se una delle prime testate a riportare l'accaduto è stato "The Guardian", che in un lungo articolo ne tesse le lodi, per ricordare uno dei volti che abbiamo incontrato diverse volte in molti film iconici.

La sua carriera tra cinema e Tv

Ricahrd Carter aveva 65 anni ed è morto in seguito ad un malattia che lo aveva colpito non troppo tempo fa. Nonostante il suo nome non sia tra i più noti del panorama artistico contemporaneo, è stato interprete di film di successo, non solo sul grande schermo, ma anche in televisione. La sua carriera inizia negli Anni Ottanta, quando prende parte al film Rebel Matt, soldato ribelle del 1985, di Michael Jenkins. Ha poi partecipato a show televisivi come Blue Murder, East West 101 e A Country Practice.

I suoi ruoli più significativi sono stati nell'ambito cinematografico: tra le tante pellicole in cui lo abbiamo visto tra gli attori principali, ricordiamo The Punisher, Robin Hood Junior, Le nozze di Muriel al fianco di Toni Colette. Inoltre bisogna considerare che, per ben quattro volte, è stato diretto da George Miller, nei film Happy Feet 1 e 2, Babe va in città e il più recente Mad Max: Fury Road del 2015, al fianco di Tom Hardy.

Sicuramente una delle interpretazioni per cui è maggiormente ricordato è quella nel film tratto dal romanzo di Francis Scott Fitzgerlad, Il Grade Gatsby, al fianco di Leonardo Di Caprio. Nella pellicola diretta da Buz Lurhman nel 2013, ha ricoperto il ruolo di Herzog, il fido maggiordomo del protagonista. I suoi personaggi hanno sempre ricalcato quell'aspetto un po' buffo, per cui può essere considerato senza fatica un vero e proprio caratterista.