Il popolare attore pugliese Teodosio Barresi è morto la scorsa notte, stando a quanto riportato da alcuni giornali locali. L'attore è diventato popolare al grande pubblico, tra le altre cose, per aver interpretato Peppino ne LaCapaGira il film del 1999 diretto da un allora esordiente Alessandro Piva. Barresi, infatti, aveva intepretato una delle scene simbolo del film del regista pugliese, quella in cui scende dal "treruote" e indirizza ai due protagonisti una serie di improperi in stretto dialetto barese. Una sorta di monologo diventato a modo suo di culto con cui Barresi metteva in mostra le sue doti di attore comico, che lo avrebbero accompagnato nel resto della sua carriera.

La carriera di Teodosio Barresi

Famosissimo nella sua regione, Barresi aveva ricoperto vari ruoli sia al Cinema che a teatro, vincendo anche alcuni premi per le proprie interpretazioni. L'attore era conosciuto da tutti come Dorino e durante gli ultimi anni aveva recitato in film come L'Ariamara di Mino Barbarese, "Bell'Epoker" per la regia di Nico Cirasola o il film "Sposerò Nichi Vendola" del regista barese Andrea Costantino, che racconta una storia "ambientata nella Bari di oggi e, attraverso le relazioni tra i protagonisti, ripercorre i fatti della storia d'Italia dal ventennio fascista al VaffaDay di Beppe Grillo, dalla propaganda di piazza alla crisi economica". Anno aveva preso parte anche al film "Bar Giuseppe" che aveva avuto anche una nomination per il miglior soggetto ai Nastri d'Argento 2020 e che è possibile anche recuperare su Rai Play.

Il cortometraggio con Corrado Guzzanti

Tra le ultime partecipazioni quella in Stardust, un cortometraggio di Antonio Andrisani che lo vedeva unico protagonista assieme a Corrado Guzzanti. la sinossi del film racconta: "Teodosio, un uomo anziano e culturalmente poco attrezzato, rivendica con timidezza il suo ruolo determinante nella realizzazione di un cortometraggio che si è aggiudicato un prestigioso premio cinematografico. Ad accogliere questi suoi reclami, con distacco ed una malcelata aria di superiorità, c’è il regista Giuseppe". Per questa interpretazione, il regista aveva anche vinto il premio come miglior attore al concorso Cortinametraggio di Cortina D'Ampezzo.