824 CONDIVISIONI
5 Maggio 2021
18:41

“Fortuna” al cinema dal 27 maggio: Valeria Golino nel film ispirato all’omicidio di Fortuna Loffredo

Liberamente tratta da un tragico e inquietante fatto di cronaca, il film, diretto da Nicolangelo Gelormini e scritto dal regista e da Massimiliano Virgilio, arriva in sala dopo il passaggio alla Festa del cinema di Roma. Nel cast, anche Pina Turco, Libero De Rienzo e la giovanissima Cristina Magnotti, apparsa ne L’amica geniale.
A cura di Valeria Morini
824 CONDIVISIONI
foto di Gianni Fiorito
foto di Gianni Fiorito

Anche il cinema italiano riparte dopo la ripresa delle sale e dal 27 maggio 2021 arriva al cinema Fortuna, opera prima di Nicolangelo Gelormini già passata alla Festa del cinema di Roma. Interpretato da Valeria Golino, Pina Turco e Cristina Magnotti e sceneggiato dal regista e da Massimiliano Virgilio, il film si ispira a un tragico e brutale fatto di cronaca quale fu, nel 2014, l'omicidio di Fortuna Loffredo. La bambina, di soli 6 anni, fu scaraventata dall'ottavo piano di una casa popolare di Campo Verde a Caivano (Napoli) e sul suo corpo vennero riscontrati i segni di abusi sessuali. Per il delitto, è stato condannato all'ergastolo Raimondo Caputo.

Il cast di Fortuna

Al fianco di due veterane come Valeria Golino e Pina Turco, la giovanissima Cristina Magnotti (già vista nel ruolo di Marisa Sarratore ne L'amica geniale) ha il ruolo della protagonista Fortuna. Il cast comprende anche Giovanni Ludeno, Marcello Romolo, Libero De Rienzo, Anna Patierno, Luciano Saltarelli, Denise Aisler, Leonardo Russo. Il film è prodotto da Dazzle Communication con Indigo Film e Rai Cinema, con il sostegno di Banco Bpm e il patrocinio ufficiale di Save The Children, e distribuito da I Wonder Pictures. Da notare che la Golino e la Turco si alternano nei ruoli di Gina e Rita.

La trama del film con Valeria Golino

Fortuna è "Una storia liberamente ispirata a fatti realmente accaduti". Dunque, rielabora la tragedia reale attraverso la vicenda di Nancy, una bambina timida che vive con i genitori in un palazzone di periferia. Quando la piccola si chiude in un improvviso silenzio, la madre decide di portarla dalla psicologa Gina, che però si rivela distratta e scostante. La bambina non si riconosce più nel nome con cui gli adulti la chiamano: pensa di essere una principessa in attesa di tornare sul suo pianeta e gli amici Anna e Nicola decidono di chiamarla Fortuna. Solo a loro la ragazzina ha il coraggio di raccontare il suo terribile segreto.

Il poster di Fortuna

824 CONDIVISIONI
Valeria Golino: “Fortuna è un film sull’infanzia violata, Napoli per me è una sirena”
Valeria Golino: “Fortuna è un film sull’infanzia violata, Napoli per me è una sirena”
Fortuna, Valeria Golino: "Tradimento degli adulti all'infanzia, fare film a Napoli è un valore"
Fortuna, Valeria Golino: "Tradimento degli adulti all'infanzia, fare film a Napoli è un valore"
"Fortuna" non sarà censurato, il tribunale: "Film raffinato su un tema d'interesse collettivo"
"Fortuna" non sarà censurato, il tribunale: "Film raffinato su un tema d'interesse collettivo"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni