Gérard Depardieu è ufficialmente sotto inchiesta per stupro e violenze sessuali. I reati contestati al più popolare attore di cinema francese, che pure ha sempre negato le accuse, sarebbero stati commessi nell'estate 2018 ai danni di una giovane attrice. Questo quanto AFP apprende da fonti giudiziarie. La denuncia della presunta vittima ai danni di Depardieu risale alla fine agosto 2018, la donna accusava l'attore di essere stata stuprata a due riprese, giorni prima, mentre si trovava nella casa parigina dell'attore. Inizialmente il procedimento giudiziario era stato archiviato dalla procura, ma nel corso dell'estate 2020 la donna è riuscita a riottenere la riapertura del caso.

I rapporti fra Depardieu e la donna

Nel 2018 i quotidiani francesi avevano ricostruito la vicenda, nel tentativo di comprendere quali rapporti vi fossero tra Depardieu e la ballerina. Stando a quanto era emerso, l'attore francese conosceva bene la giovane perché figlia di un suo caro amico, e proprio lui si sarebbe offerto com mentore per darle consigli sul suo debutto come attrice. Lo stupro, come riportavano i media francesi allora, si sarebbe consumato proprio mentre la ragazza ripeteva all'attore la propria parte per un provino o un lavoro teatrale.

La versione dell'avvocato di Gerard Depardieu

In quelle stesse settimane a commentare la vicenda era stato Hervé Témime, l'avvocato di Depardieu, rilasciando una dichiarazione a Le Parisien e respingendo ogni tipo di accusa al suo assistito: "È stato presentata la denuncia lo scorso 27 agosto. Il giorno dopo sono stato chiamato dai giornalisti e deploro tale diffusione. I fatti sono gravissimi e Gerard Depardieu nega assolutamente di aver commesso il minimo reato o di avere reati. Chiedo pertanto la massima cautela e la massima riservatezza, questo nel rispetto di tutti, nella misura in cui sono convinto che questa denuncia non prospererà a livello giudiziario ".