7 Giugno 2021
21:04

Harvey Weinstein, arriva il film che racconta le molestie che hanno dato il via al MeToo

Carey Mulligan e Zoe Kazan saranno le protagoniste di “She Said”, il primo film ufficiale incentrato sulle indagini del New York Times in riferimento alle molestie sessuali di Harvey Weinstein: il caso che ha dato il via a tutto il movimento #MeToo. Tra i produttori ci sono anche Brad Pitt, Dede Gardner e Jeremy Kleiner.
Immagine

Carey Mulligan e Zoe Kazan saranno le protagoniste di "She Said", il primo film ufficiale incentrato sulle indagini del New York Times in riferimento alle molestie sessuali di Harvey Weinstein: il caso che ha dato il via a tutto il movimento #MeToo. Secondo Deadline, le attrici sono in trattativa con la Universal Pictures per i ruoli di Megan Twohey e Jodi Kantor, autrici del libro "She Said: Breaking the Sexual Harassment Story That Helped Ignite a Movement". Si tratta di una storia che ha cambiato l'intera geopolitica del cinema mondiale e che ha prodotto una serie di eventi a catena.

Il film su Harvey Weinstein

Il film si concentrerà sul lavoro realizzato da Meghan Twohey e Jodi Kantor per scoprire tutto quello che è riguardato Harvey Weinstein in decenni di molestie sessuali e aggressioni mentre era a capo della Weinstein Company. Accuse che alla fine lo hanno condotto al carcere dove sconta una condanna di 23 anni. La regia del film è di Maria Schrader, apprezzatissima per "Unorthodox" (Netflix) con cui ha vinto un Emmy Aeards.  di molestie sessuali e aggressioni per diversi decenni contro Weinstein, il co-presidente della Weinstein Company che alla fine è stato condannato a 23 anni di carcere. Si comincerà a girare questa estate.

La produzione del film

Annapurna Pictures e Plan B Entertainment sono alla produzione del film tratto dal libro. Tra i produttori anche Brad Pitt, Dede Gardner e Jeremy Kleiner. Non è ancora chiaro se all'interno del film ci saranno altri riferimenti ad attrici che hanno fatto parte successivamente del movimento MeToo, come Asia Argento e Rose McGowan, in prima linea al tempo per le proteste di tutto il movimento. Le loro posizioni si sono successivamente distanziate, la stessa Asia Argento è stata al centro di una serie di polemiche con il caso Jimmy Bennet.

Immagine
Weinstein contro la sentenza per molestie, richiesto un nuovo processo
Immagine
Il nuovo #MeToo arriva dalla Grecia: la denuncia della velista Sofia Bekatorou scuote lo sport
Immagine
Pietro Castellitto: "MeToo monumento all'ipocrisia. Se Spacey mette la mano sulla coscia la sposto"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni