6 Luglio 2016
19:38

Iron Man diventa donna nei fumetti: ecco chi potrebbe sostituire Robert Downey Jr.

Marvel annuncia la rivoluzione nei fumetti di Iron Man: dopo Thor, anche Tony Stark sarà rimpiazzato da una donna (afroamericana), la giovane e geniale Riri Williams. Divertiamoci a immaginare chi potrebbe prendere il posto di Robert Downey Jr., se anche Hollywood decidesse di percorrere la stessa strada.
A cura di Valeria Morini

Una nuova rivoluzione si prepara a sconvolgere l'universo dei fumetti Marvel: dopo il caso di Thor, anche Iron Man diventerà una donna. La notizia è di queste ultime ore ed è stata rivelata dall'autore Brian Michael Bendis: nella serie "Invincible Iron Man" (ma non sarebbe meglio chiamarla Iron Woman?), sceneggiata da Bendis e pubblicata da ottobre, entrerà in scena la giovanissima e geniale Riri Williams, che prenderà il posto di Tony Stark e indosserà l'invincibile armatura del supereroe milionario. Afroamericana e studentessa universitaria del MIT di soli 15 anni, incontrerà Tony in un momento molto delicato per lui, nel bel mezzo della "Civil War II" che sta dominando le storie Marvel.

Nella sua lunga storia, Marvel ha abituato i suoi lettori a stravolgimenti e colpi di scena a non finire, e ci si chiede così se questo passaggio di consegne avrà un impatto anche sulla produzione cinematografica dei sempre più prolifici cinecomics. Robert Downey Jr, 51enne, non è evidentemente destinato a interpretare Iron Man in eterno e, d'altra parte, risulta difficile immaginare un altro attore nei panni del più ironico e sbruffone dei supereroi. E chissà che gli studi Marvel, in un futuro nemmeno troppo lontano, non decidano di realizzare una serie di film con la nuova eroina. Nell'attesa, divertiamoci a immaginare le attrici che potrebbero interpretarla.

Ipotesi 1 – Rihanna

Il nome Riri non può che far pensare al soprannome di Rihanna, che sembra avere una certa somiglianza fisica con il personaggio. La popstar sembra a suo agio con il mondo cinematografico: il suo brano "Sledgehammer" è nella colonna sonora dell'imminente "Star Trek Beyond" e lei stessa ha confessato di essere una grande fan della saga.

Ipotesi 2 – Lupita Nyong'o

Tra le attrici afroamericane più lanciate del momento, c'è senz'altro Lupita Nyong'o, premio Oscar per "12 anni schiavo" e già entrata nel mondo dei blockbuster con "Star Wars – Il risveglio della Forza" (era Maz Kanata, personaggio in performance capture) e però già nel cast di "Black Panther", anch'esso tratto da Marvel.

Ipotesi 3 – Quvenzhané Wallis

Dal momento che Riri ha appena 15 anni, l'attrice anagraficamente più adatta sembra essere Quvenzhané Wallis (classe 2003), la piccola grande eroina di "Re della terra selvaggia" con il quale si è imposta come la più giovane candidata di sempre ai premi Oscar.

Ipotesi 4 – Willow Smith

Compirà invece 16 anni il prossimo ottobre Willow Smith, secondogenita di Will Smith e Jada Pinkett. Come mamma, papà e il fratello Jaden, Willow sembra intenzionata a lavorare nel cinema (oltre che nella musica), è apparsa in "Io sono leggenda" e ha fatto la doppiatrice in "Madagascar 2 – Via dall'isola".

Ipotesi 5 – Zoe Kravitz

Altra figlia d'arte sempre più lanciata, Zoe Kravitz – figlia di Lisa Bonet e Lenny Kravitz – ha il perfetto phisique du role dell'eroina tosta (basti guardarla in "Mad Max: Fury Road") anche se è un po' "vecchietta": ha 28 anni come Rihanna, mentre la Nyong'o ne ha 33. Si sa, d'altronde, che Hollywood ha imparato ad adattare a suo piacimento l'universo fumettistico: per esempio, trasformando Nick Fury in un personaggio afroamericano interpretato da Samuel L. Jackson. Per fortuna i tempi cambiano e, oggi, ci pensano gli stessi autori Marvel a regalare ruoli importanti alle minoranze etniche: il nuovo volto è donna e di colore.

 
L'intervista di Anton Yelchin e Robert Downey Jr per il film Charlie Bartlett
L'intervista di Anton Yelchin e Robert Downey Jr per il film Charlie Bartlett
36.373 di Naty82
Robert Downey Jr ha pagato la riabilitazione ad Armie Hammer durante il suo periodo di crisi
Robert Downey Jr ha pagato la riabilitazione ad Armie Hammer durante il suo periodo di crisi
“Malignant Man”, il fumetto creato da James Wan diventa un film
“Malignant Man”, il fumetto creato da James Wan diventa un film
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni