Dopo le grandi polemiche per le sue dichiarazioni sulla transessualità, J.K. Rowling apre il suo cuore. Sul suo blog pubblica una lunga lettera in cui spiega le ragioni che l'hanno spinta a difendere le sue posizioni sul sesso biologico. Un lunghissimo post in cui rivela lo stupro subito a opera del primo marito, il giornalista Jorge Arantes. I due sono rimasti sposati appena un anno, separandosi poco dopo la nascita della primogenita Jessica, oggi youtuber di successo 26enne.

J.K. Rowling rigetta le accuse di transfobia

Nel lungo saggio, J.K. Rowling rigetta le accuse di transfobia, che l'hanno vista al centro di una sassaiola mediatica senza precedenti e che ha visto anche gli interventi sdegnati dei protagonisti dei suoi film. Nell'ordine Daniel Radcliffe, Eddie Redmayne ed Emma Watson. Il lungo saggio della Rowling da molti è stato visto come un modo per cercare di deviare l'obiettivo, rilanciando con una notizia bomba quella della violenza domestica.

Sono un personaggio pubblico da oltre venti anni e non ho mai rivelato pubblicamente di aver subito violenze domestiche, di essere una sopravvissuta a uno stupro. Non mi vergogno di quello che è successo, ma sono eventi traumatici da rivivere e da ricordare. Mi sono sempre sentita protettiva nei confronti della figlia nata dal primo matrimonio, non volevo darle una storia che non era la sua. Tuttavia, le ho chiesto un po' di tempo fa cosa avrebbe pensato se avessi condiviso onestamente in pubblico quella parte della mia vita. Lei mi ha incoraggiato a farlo.

La relazione tra il suo stupro e il pensiero sul sesso binario

Nel saggio, cerca di mettere in relazione la violenza subita con il pensiero sul sesso reale, uomo e donna: "Sono riuscita a sfuggire al mio primo matrimonio violento con qualche difficoltà, ma adesso ho sposato un uomo veramente buono e di principio, sicuro e protettivo come non mi sarei mai aspettato in un milione di anni. Tuttavia, le cicatrici lasciate dalla violenza e dalle aggressioni sessuali del matrimonio precedente non scompaiono". Sarebbe per questo motivo che J.K. Rowling ha espresso le sue posizioni rivendicando il sesso dell'uomo e della donna. Ecco cosa scrive in proposito:

Per questo, se entraste nella mia testa e capire cosa provo quando leggo di una donna trans che muore per mano di un uomo violento, trovereste solidarietà e vicinanza. […] Le persone trans meritano protezione, lavorano nell'industria del sesso, in particolare quelle di colore e sono particolarmente a rischio. […] Quindi voglio che le donne trans siano al sicuro. Allo stesso tempo, non voglio rendere le ragazze e le donne nate donne meno al sicuro. Quando apri le porte dei bagni e degli spogliatoi a qualsiasi uomo che crede di essere o si sente una donna, apri la porta a tutti gli uomini che desiderano entrare.

Basterà aver parlato delle violenze subite 26 anni fa per placare le critiche e le accuse nei suoi confronti?