morte di Robert Forster ha indubbiamente rappresentato una notizia terribile per il mondo dello spettacolo. La scomparsa dell'attore priva il cinema di un personaggio che è stato il volto di alcuni lavori determinanti per la storia della settima arte, dalla collaborazione con Quentin Tarantino per il terzo lungometraggio del regista, Jackie Brown, nonché il recentissimo El Camino, il film sequel di Breaking Bad diretto da Vince Gilligan, reso disponibile sulla piattaforma Netflix dall'11 ottobre.

Ironia della sorte, la scomparsa di Robert Forster è coincisa proprio con i giorni di uscita dell'attesissimo film e questo ha spinto il protagonista, Aaron Paul, a dedicare un pensiero al collega scomparso, pubblicato sul suo account Instagram:

Sapere della morte di Robert Forster mi ha spezzato il cuore. Ho avuto il privilegio di conoscere questa splendida persona e lavorare al suo fianco. Un vero gentleman, che amava la recitazione. Ti voglio bene, amico mio, grazie per avermene voluto. Sei e sarai sempre una leggenda.

Robert Forster è morto a causa di un tumore al cervello all'età di 78 anni, come confermato dal suo addetto stampa all'Hollywood Reporter che scrive che l'uomo è morto nella sua casa, attorniato dai familiari, compresi i quattro figli e la moglie, a seguito della malattia.

Sui social sono molti i colleghi che hanno voluto dedicargli un pensiero e tra questi c'è anche Bryan Cranston, l'attore di Breaking Bad che aveva recitato con lui fin dagli anni '80 e ultimamente sia nella serie che lo ha reso famoso in tutto il mondo che ne "El Camino", film sequel della serie che è appena uscita su Netflix: "Non dimenticherò mai quanto fosse gentile e generoso nei confronti di un ragazzo che stava muovendo i primi passi a Hollywood". Samuel L. Jackson, che aveva recitato in Jackie Brown, invece ha scritto che "era veramente un attore di classe".