30 Novembre 2021
17:19

La notte brucia, la violenza delle province nel corto con Abel Ferrara e Marcello Fonte

La notte brucia è il corto di Angelica Gallo con Abel Ferrara, Marcello Fonte e Aniello Arena. L’amaro racconto delle province violente senza cultura né futuro visto dagli occhi dei tre giovani protagonisti esordienti.

La notte brucia, presentato nella sezione International Shorts della 39°edizione del Festival di Torino, è il secondo cortometraggio di Angelica Gallo. Ispirato a fatti di cronaca realmente accaduti in Italia, il corto racconta la storia di Massimo e dei suoi amici ventenni, ragazzi di provincia senza un presente e men che meno un futuro, che impiegano il loro tempo nell'uso di sostanze stupefacenti e a derubare coetanei in discoteca con lo spray al peperoncino. Mossi dal desiderio di guadagnare senza impegno e trovare una collocazione nel mondo, capiranno man mano che la smania di protagonismo come moderni villain è quella che li spinge a cercare una riconoscibilità in una società che li ignora.

Il cast del corto La notte brucia

I tre giovani attori quasi tutti esordienti hanno potuto beneficiare di un cast di registi e attori conosciuti dal grande pubblico e premiati dalla critica e dai festival internazionali, tra i quali Abel Ferrara, Marcello Fonte e Aniello Arena. Prodotto da Angelika Film Productions in collaborazione con Guendalina Folador, production manager della società Archimede di Matteo Garrone, La notte brucia è il primo film distribuito dal giovane brand Son of a Pitch.

Angelica Gallo: "Le province violente senza cultura né futuro"

La regista ha spiegato come le dinamiche relazionali tra i protagonisti diventano tossiche a tal punto da essere disciplinate solo dalla sete di soldi, in assenza di qualsiasi riferimento, sia affettivo che culturale: "Max, Antonio e Hamza, sono tre ragazzi qualunque, figli di un’Italia carburata con cocaina a basso prezzo e fake news su facebook, dove le piccole province diventano violente senza apparente ragione. I giovani privi di prospettive e di cultura non sono solidali tra loro, non hanno voglia di reagire, di ribellarsi, anche perché senza strumenti non si sa bene perché e contro chi. E allora l’unico dio a cui votarsi è il denaro fine a se stesso, completamente svincolato da cosa si è fatto per ottenerlo. Non esiste nessuna cultura del lavoro, perché non esiste nessuna cultura: esistono i brand delle case di moda, i profili Instagram delle star e delle influencer, quelli sì. Ma il luogo comune del laureato che poi finisce a fare lo spazzino permea la società. E allora persino i genitori che lavorano tutto il giorno onestamente per mille euro si trasformano in falliti, non ci può essere orgoglio per loro, figuriamoci la pietà".

Shia LaBeouf sarà il Padre Pio di Abel Ferrara
Shia LaBeouf sarà il Padre Pio di Abel Ferrara
Shia LaBeouf sarà Padre Pio nel prossimo film di Abel Ferrara
Shia LaBeouf sarà Padre Pio nel prossimo film di Abel Ferrara
Shia LaBeouf vestito da frate per le strade della Puglia: sta girando un film su Padre Pio
Shia LaBeouf vestito da frate per le strade della Puglia: sta girando un film su Padre Pio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni