13 Agosto 2013
15:05

La Pixar cambia il finale al sequel di Nemo

Il finale di “Alla Ricerca di Dory”, sequel delle avventure di Nemo, sarà riscritto dalla casa di produzione a causa di un documentario che contesta la metodologia con la quale sono tenute in cattività le orche. Nessuna comunicazione ufficiale da Pixar, la notizia è divulgata dal New York Times.
A cura di Andrea Parrella

La Pixar cambierà il finale previsto per il sequel del successo di qualche anno fa Alla Ricerca di Nemo. Si incentrerà su Dory, compagna di viaggio del pesce pagliaccio, personaggio caratterizzata da amnesia continue. Ebbene, la casa di produzione altererà il finale del film, che al momento è ancora in fase di produzione primordiale, a causa di un documentario trasmesso in America che contesterebbe il metodo SeaWorld che prevede di tenere le orche in cattività. Evidentemente la prima stesura della sceneggiatura di Alla Ricerca di Dory conteneva alcuni riferimenti al metodo di cui sopra e Pixar, al fine di evitare ogni contestazione di sorta, ha preso la decisione. Nel frattempo, dalla casa non arrivano comunicazioni ufficiale, a diffondere la notizia è stato infatti il New York Times, che ha citato un dipendente della casa di produzione.

"Alla ricerca di Dory", il sequel con la pesciolina smemorata amica di Nemo
La
La "teoria Pixar": Toy Story, Wall-E e la fine del mondo
Dory in
Dory in "Alla ricerca di Nemo" - best of
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni