A Star Is Born sarà uno dei grandi protagonisti agli Oscar 2019, in cui è candidato a ben 8 premi. C'è grande attesa per sapere se Lady Gaga, oltre alla scontatissima statuetta per la miglior canzone ("Shallow"), vincerà anche quella come miglior attrice. Intanto, la cantante ha svelato un triste retroscena sul finale del film, in un video uscito in settimana e intitolato "The Road To Stardom: Making A Star Is Born". Nel filmato Gaga ha spiegato che nella sequenza in cui si esibisce sulle note della canzone "I'll Never Love Again" appare particolarmente commossa e provata a causa di una terribile notizia che nel giorno delle riprese arrivò sul set.

La morte dell'amica Sonja Durham

Proprio poco prima che venisse girata la scena in questione, la popstar venne infatti a sapere che una delle sue migliori amiche, Sonja Durham, era appena morta di cancro. Nel maggio 2017, la donna perse la sua battaglia con un tumore al quarto stadio al seno, al cervello e ai polmoni. "Ricordo quel giorno come molto triste per me. Ho lasciato il set", ha raccontato Lady Gaga, spiegando di aver inizialmente chiesto di rimandare le riprese. Dopo aver parlato con il marito di Sonja, però, Gaga decise di andare avanti, pensando che era quello che avrebbe voluto la sua amica. La cantante e attrice chiese quindi alle comparse che nella scena compongono il pubblico di sostenerla, per poter portare a termine, con l'esecuzione di "I'll Never Love Again", un tributo a Sonja e a suo marito.

Lady Gaga nominata agli Oscar

Per l'interpretazione della cantante Ally, Lady Gaga ha vinto un Critics Choice Awards come miglior attrice, a pari merito con Glenn Close. Le è sfuggito il Golden Globe, ma avrà la possibilità di rifarsi agli Oscar, in cui è stata ancora una volta nominata nella cinquina delle interpreti protagoniste. A contendersi con lei il prezioso riconoscimento ci sono Yalitza Aparicio (Roma), Glenn Close (The Wife), Olivia Colman (The Favourite) e Melissa McCarthy (Copia originale). A Star Is Born è candidato anche nelle categorie miglior film, miglior attore (Bradley Cooper), miglior attore non protagonista (Sam Elliott), miglior sceneggiatura non originale, miglior fotografia, miglior canzone, miglior missaggio sonoro.