video suggerito
video suggerito

Lapo Elkann distribuirà in Italia “Nymphomaniac”, film scandalo di Von Trier

Il film non aveva ancora un distributore disposto a mostrarlo nelle sale italiane, così il rampollo di casa Fiat ha deciso, con la casa di distribuzione presieduta da sua sorella, di lanciarsi in questa operazione.
A cura di Andrea Parrella
29 CONDIVISIONI
Immagine

Le polemiche sul nuovo film di Lars Von Trier, Nymphomaniac, attira su di sé polemiche oramai da mesi, nell'attesa che esca il 25 dicembre in Danimarca e all'inizio dell'anno negli Stati Uniti. Per quanto riguarda il mercato nostrano, la polemica più grossa era relativa al fatto che nessun distributore si fosse ancora prestato per promuovere nelle sale un film già annunciato come scandaloso, che inscena esplicitamente le avventura di una ninfomane, mostrando scene di sesso senza censura alcuna sui genitali (il regista ha utilizzato quelli di alcuni attori pornografici inseriti digitalmente nella pellicola.

Ma nelle ultime ore si è fatta avanti una società di distribuzione facente capo ad un nome noto in Italia, ovvero Lapo Elkann, proprietario per il 30% della Good Films, la casa di distribuzione presieduta da sua sorella Ginevra. Evidentemente hanno deciso di metterci su le mani fiutando ritorno commerciale che l'incaricarsi di questa operazione possa portare. Come annunciato dallo stesso regista, il film uscirà in due versione differenti, una della durata di cinque ore, nella quale si può vedere il dispiegarsi dell'intera vicenda che vede come protagonista Charlotte Gainsbourg. L'altra, meno hard e di durata ridotta, che è proprio quella che andrà nelle sale danesi a partire dalla prossima settimana.

Nonostante l'operazione azzardata, il nome di Von Trier ha certamente svolto il ruolo di calamita per attori di altissimo livello, nomi altisonanti del cinema internazionale (ecco gli orgasmi di tutti i protagonisti): Uma Thurman, Shia LaBeouf, William Dafoe e Christian Slater hanno accettato di partecipare infatti ad una delle pellicole che si annuncia come una delle più scandalose della storia del cinema.

29 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views