Con la diffusione del coronavirus tra i settori che hanno maggiormente risentito della crisi imposta dal lockdown c'è, senza dubbio, quello del cinema. Le riprese sono state bloccate, i film che sarebbero dovuti uscire in questi mesi hanno ripiegato sulla fruizione online e il recupero di quella che era una routine ormai consolidata sembra essere più lontano che mai. Intanto sono stati stilati dei protocolli per iniziare nuovamente le riprese, ma non tutti sembrano essere pronti a questa nuova sfida, come fa notare Leonardo Pieraccioni. Il regista e attore toscano ha dichiarato che almeno per quest'anno non riprenderà a girare, rimandando il tutto all'anno venturo.

La scelta di Leonardo Pieraccioni

Una decisione non semplice quella presa da Leonardo Pieraccioni, ma che rientra perfettamente in quell'ottica di restrizione a cui saranno sottoposte tutte le produzioni cinematografiche finora sospese. I protocolli vedono la necessità di mantenere il distanziamento sociale, di stare sul set, tranne che nel pieno della scena, con le mascherine e magari con i guanti. Insomma, una situazione non semplice che attraverso un post pubblicato su Instagram, il regista toscano ha commentato in questi termini, dichiarando di aver rimandato le riprese del suo nuovo film "Se son rose", rievocando la socialità fondamentale nei giorni di lavoro sul set:

Eccomi qui, durante “Se son rose”, con attrezzeria, scenografia e costumi; ho rimandato le riprese del film al prossimo anno. Per me è impossibile girare con questi protocolli, anche se giustissimi. Il set è un campeggio, bisogna ridere senza mascherine, fare pausa uno accanto all’altro, la sera mescolarsi con attori, attrici, comparse, troupe, passanti e scambiarsi abbracci, baci e semplici bacilli! Ci si divertirà nel 2021!!

I protocolli da seguire sul set

Tra le prime iniziative proposte per la ripresa delle attività cinematografiche c'è quella nota come Protocollo Cinema Covid, una proposta arrivata da Co-Rent, una piattaforma collaborativa per il noleggio e la condivisione di attrezzature da set. Si tratta di una lunga bozza in cui vengono stilate le misure da adottare sul set: Co-Rent ha chiarito che si tratta di un documento che potrebbe essere modificato, che contiene semplici indicazioni già sottoposte a soggetti con competenze in ambito medico-epidemiologico, in merito alle procedure e agli strumenti che potrebbero essere adottati per far ripartire le riprese. Si parla di test sierologici da eseguire a tutta la troupe con almeno 15 giorni di anticipo rispetto alla partenza delle riprese, con tamponi effettuati su coloro che risultano positivi.