19 CONDIVISIONI

Lev Tolstoj, 3 film basati sulle sue opere

Dall’ultimo film su “Anna Karenina” a “I prigionieri del Caucaso”, film russo che arrivò alla notte degli Oscar: ecco tre film da non perdere ispirati alle opere di Lev Tolstoj.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Spettacolo Fanpage.it
19 CONDIVISIONI
Immagine

Nel 186esimo anniversario dalla nascita di Lev Tolstoj, Google omaggia lo scrittore russo ed autore di veri e propri capolavori della letteratura con un doodle. Molti film sono tratti o ispirati alle sue opere, ce ne sono ben cinque di "Anna Karenina" (dal 1914 al più recente, quello del 2012), mentre sono sette in totale i film basati su "Resurrezione", di cui uno firmato da uno sceneggatiore italiano, Renato Castellani, nel 1958. Sono soltanto due i film ispirati a quella che forse è la sua opera più grande, ovvero "Guerra e Pace", film datati 1956 e 1967

Anna Karenina (2012)

Immagine

Film diretto da Joe Wright e con un cast di stelle composto da Keira Knightley, Matthew MacFayden, Kelly Macdonald, Aaron Johnson e Jude Law, non a caso sono stati richiamati gli interpreti di un masterpiece come "Orgoglio e Pregiudizio" a sette anni di distanza, solo che questa volta Matthew MacFayden e Keira Knightley interpretano fratello e sorella, due personaggi completamente diversi da Fitzwilliam ed Elizabeth. Il film, che vede un italiano alla colonna sonora, Dario Marinelli, è stato distribuito nelle sale italiane il 21 febbraio 2013, ricevendo critiche positive negli Usa, mentre su Internet riceve valutazioni tutto sommato sufficienti (Rotten Tomatoes registra una valutazione pari al 64%). È un film sicuramente da vedere.

I prigionieri del caucaso (1996)

Immagine

Un film russo del 1996 diretto da Sergej Vladimirovič Bodrov e nominato all'Oscar al miglior film straniero, oltre ad essere stato presentato in anteprima al 49esimo Festival di Cannes. Durante la guerra in Caucaso, due soldati russi, il giovane Vanja e il più vecchio Sasha, sono catturati da un uomo di nome Abdul-Murat, che vorrebbe usarli per uno scambio con i russi e riuscire a riavere così il proprio adorato figlio. Riusciranno a fuggire, uccidendo la guardia, ma saranno ricatturati dal vecchio e la sua rabbia ricadrà su di loro. Soltanto l'amore di Dina, figlia di Abdul-Murat, potrà salvarli. Un film che riesce a riproporre con metodo e sincerità d'intenti, le trame di Tolstoj.

San Michele aveva un gallo (1972)

Immagine

Diretto dai Fratelli Taviani, "San Michele aveva un gallo" è una produzione tutta italiana basata sul racconto "Il divino e l'umano" di Lev Tolstoj. È la storia di un anarchico rivoluzionario, nel film di origini umbre, che nel 1870 verrà imprigionato e condannato a morte. Ma la pena gli sarà commutata in ergastolo e durante un trasferimento presso il carcere di Venezia, incontrerà un gruppo di prigionieri sovversivi con cui avrà uno scambio di idee e vedute, che gli causeranno un crollo delle sue convinzioni.  La pellicola ha avuto una storia produttiva piuttosto travagliata: iniziato nel 1972 con un budget molto basso, nelle sale è uscito solo quattro anni dopo.

19 CONDIVISIONI
10 film basati su storie vere spaventose
10 film basati su storie vere spaventose
Casper, il trailer del film Universal
Casper, il trailer del film Universal
Le opere di Van Gogh in mostra a Milano
Le opere di Van Gogh in mostra a Milano
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views