19 Dicembre 2013
21:02

Mary Poppins e Pulp Fiction entrano nel National Film Registry

Fanno ingresso nel National Film Registry, uno degli archivi più prestigiosi in campo cinematografico, i film “Mary Poppins” del 1964 e “Pulp Fiction” del 1994.
A cura di Fabio Giuffrida

Entrano a far parte ufficialmente delle 25 pellicole selezionate per il National Film Registry i film "Mary Poppins" (1964, diretto da Robert Stevenson, con Julie Andrews, Dick Van Dyke, David Tomlinson, Glynis Johns e Karen Dotrice) e "Pulp Fiction" (1994, diretto da Quentin Tarantino, con John Travolta, Uma Thurman, Samuel L. Jackson, Bruce Willis e Tim Roth), due cult movie che dunque fanno il loro ingresso trionfale nell'archivio più prestigioso in campo cinematografico. Con queste "new entry" il National Film Registry può contare su oltre 600 film tra i quali spiccano "Casablanca", "Quarto potere" e "Apocalypse Now". Ma insieme ai due film sopra citati, hanno avuto lo stesso riconoscimento per il loro significato culturale, storico e cinematografico anche "A Virtuous Vamp" del 1919, un film di David Kirkland, "Daughter of Dawn" del 1920, "Gilda" del 1946, "Il pianeta proibito" del 1956, "Vincitori e vinti" del 1961 che parla del processo di Norimberga, "I magnifici sette" del 1960, "Roger & Me" del 1989, "King of Jazz" del 1930, "Un uomo tranquillo" del 1952, "Uomini veri" del 1983 e "Chi ha paura di Virginia Woolf?" del 1966. E a proposito di "Mary Poppins" il coordinatore del National Film ha ribadito che questo capolavoro sarebbe stato sull'elenco delle proposte già altre volte tempo fa. Infine è doveroso ricordare che i film scelti coprono un arco temporale che va dal 1919 al 2002 e comprendono sia i classici di Hollywood che i documentari.

I 20 anni di Pulp Fiction
I 20 anni di Pulp Fiction
Pulp Fiction - La scena del ballo
Pulp Fiction - La scena del ballo
10.359 di CineMust
Pulp fiction diventa un videogioco anni '80 (VIDEO)
Pulp fiction diventa un videogioco anni '80 (VIDEO)
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni